Libri su NESSO pubblicati da NodoLibri editore, Como. #lagodicomo

Il Palio delle Frazioni di Nesso – 34 edizioni in 40 anni di storia dal 1974 al 2014

Il Palio delle Frazioni di Nesso

Autori vari

formato: Libro
In un paese di poco più di un migliaio di persone il campo sportivo parrocchiale è il vero centro delle attività ricreative: attorno a questo rettangolo diverse generazioni hanno vissuto la propria infanzia e la loro adolescenza.
€ 20,00
Guarda il dettaglio Metti nel carrello

Nesso – Una scuola per i figli del popolo. 100 anni di vita dell’asilo infantile

Nesso

Fabio Cani

formato: Libro
L’Asilo di Nesso entrò ufficialmente in funzione nel maggio 1909, ma la sua storia comincia circa quindici anni prima, quando in paese si costituì un comitato per dare vita a una scuola per l’infanzia che venisse incontro alle esigenze delle molte famiglie di lavoratori impossibilitati a seguire i figli piccoli durante la giornata.
€ 12,00
Guarda il dettaglio Metti nel carrello

Nesso. L’economia della terra – Le molte forme dell’economia in un paese del lago

Nesso. L'economia della terra

Fabio Cani

formato: Libro
La vita economica (ma anche, ovviamente, quella culturale) di un paese del lago nelle fasi che precedono la piena affermazione della modernità è tutt’altro che semplice e appiattita su un solo modello di sviluppo.
€ 12,00
Guarda il dettaglio Metti nel carrello

Nesso. I consumi e il ritrovo – 110 anni di vita della Cooperativa

Nesso. I consumi e il ritrovo

Fabio Cani

formato: Libro
La Cooperativa di Nesso è una delle più antiche delle provincia e quasi sicuramente la più antica tra quelle che – senza soluzione di continuità – continuano a operare tuttora.
€ 15,00
Guarda il dettaglio Metti nel carrello

Nesso. Il lavoro dell’acqua – L’insediamento urbano e gli opifici a forza idraulica

Nesso. Il lavoro dell’acqua

Fabio Cani, Rodolfo Vaccarella

formato: Libro
Promosso dalla Biblioteca Comunale di Nesso, il volume, grazie a una approfondita ricerca d’archivio, ricostruisce la storia degli opifici dalla fine del XV alla metà del XX secolo.
€ 12,00

Sorgente: Risultati della ricerca

iniziative gratuite proposte per l’edizione 2017 della GIORNATA INTERNAZIONALE della GUIDA TURISTICA che si terranno il prossimo 18 e 19 Febbraio 2017: CARATE URIO; NESSO; COMO in bicicletta; LECCO; VALSOLDA

Volantino relativo alle iniziative gratuite proposte per l’edizione 2017 della Giornata Internazionale della Guida Turistica che si terranno i prossimo 18 e 19 Febbraio, con la speranza che ne diate diffusione.
Durante le visite guidate faremo una raccolta fondi a favore della ricostruzione della sede museale di Pievebovigliana (Macerata) danneggiata durante il terremoto dello scorso 30 Ottobre.
2017-02-06_1645442017-02-06_1646112017-02-06_164622

una giornata (eccezionale) nelle frazioni a lago di NESSO: COATESA, RIVA DI CASTELLO, BORGOVECCHIO, CARENO. Suggerimento di percorso col BATTELLO, 17 giugno 2016. #lagodicomo

Suggerimento di percorso:

1 in BATTELLO fino a Nesso (si ferma nella frazione di COATESA): partenza da Como alle 9 e 30 e arrivo alle 10 e 36 oppure  alle 10, arrivo alle 11 e 08;

DSCN2918 (FILEminimizer)

visita all’Orrido di Nesso e al ponte della Civera nella frazione di Coatesa,  passando sotto il portico a lago;

DSCN2910 (FILEminimizer)

DSCN2911 (FILEminimizer)

risalita per la erta scalinata (attenzione: tenersi alla balaustra);

DSCN1388

4 arrivare alla frazione di Riva di Castello e guardare tutta la baia (io la chiamo così perchè  “E’ ” una baia)

3761854151_28bbcb093c_z

ritornare sui propri passi ed arrivare ancora a  COATESA, rifacendo la erta scala verso il basso (attenzione ancora!), passare sul ponte della Civera e procedere fino all’imbarcadero dei battelli

risalire per il sentiero/mulattiera alla destra dell’imbarcardero dei battelli;

7 arrivare al parcheggio, oltrepassarlo e proseguire nel sentiero di sinistra (NON risalire la ripida via delle auto)

8 scendere verso la Chiesa dei santi Pietro e Paolo. Lungo il percorso, il vostro occhi si soffermerà sulle belle facciate delle case. Il vostro cuore percepirà la calma e la tranquillità del luogo. Le auto non passano. Le moto sì: pazienza. Non si può avere tutto dalla vita

4477_chiesa-dei-santi-pietro-e-paolo-nesso-(1)-it-IT

9 prendere il sentiero/mulattiera di sinistra (dove c’è l’insegna di una vecchia “Trattoria con alloggio”, chiusa nel 1928)  e scendere verso la frazione di Borgovecchio fino ad arrivare al molo, dove si trova anche una sorgente d’acqua sotterranea

DSCN2935 (FILEminimizer)

DSCN2965 (FILEminimizer)

DSCN2963 (FILEminimizer)

DSCN2966 (FILEminimizer)

DSCN2967 (FILEminimizer)

DSCN2974 (FILEminimizer)

Sullo stradone c’è un bar e un ottimo ristorante e albergo (Locanda le Tre rose):

Volendo,e se non siete stanchi, suggerisco ancora:

  • prendere il battello delle 14 e 50. in 7 minuti si arriva alla frazione di  Careno
  • Visitare in su e in giù anche questa bellissima frazione
  • il battello per como passerà alle 18 e 15 e vi riporterà a Como. Dove potrete ancora girare per la città murata o ripartire per Milano
  • nei giorni di domenica e festivi c’è anche un battello alle 20 e 37

ATTENZIONE: NEGLI ANNI SUCCESSIVI GLI ORARI DEI BATTELLI POTREBBERO CAMBIARE: INFORMARSI QUI


Altri itinerari a partire da NESSO li trovate qui:

Ettore Maria Peron, Davide Dell’Acqua, Patrizia Azimonti, NESSO E DINTORNI, ItineLario editore. VIDEO della presentazione del libro, Nesso, 26 Febbraio 2016. #lagodicomo

2016-02-28_113800

Introduzione di Gianfranco Garganigo

Lettura di Elisabetta Molinari e presentazione di Paolo Ferrario

 

i miei appunti:

appunti nesso3028

Lettura di Elisabetta Molinari

Interventi degli autori: Ettore Maria Peron, Davide Dell’Acqua, Patrizia Azimonti

http://www.massograsso.it

http://www.kaosdesign.it

http://www.dartvisualgallery.com

Dibattito:


2016-02-28_110418

 


VEDI LA SCHEDA DEL LIBRO :

acquistabile dal sito:

e presso:

Libreria Dominioni

Libreria Noseda/Libraccio di Via Cantù, Como

il Libraccio di Via Giulini

Libreria Andreoli di Via Rovelli, Como

ho finito da poco di leggere un romanzo “Il colore della memoria”, di Care Santos: una piccola (ma significativa) parte della storia si svolge a Nesso

Ciao Paolo,

ho finito da poco di leggere un romanzo “Il colore della memoria”, di Care Santos, una sorta di saga famigliare con belle figure femminili ma con forzature eccessive (a mio parere) per rendere intricata la trama senza riuscire a catturare il lettore. La sottoscritta, cioè.

Perché te ne parlo?

Perché una piccola (ma significativa) parte della storia si svolge a Nesso. E questa cosa mi ha molto incuriosito.

Ciao, a presto

Patrizia

2016-02-27_1542152016-02-27_154403

 

 

 

 

Nel Marzo del 2010, Violeta Lax, che vive e lavora negli Stati Uniti, decide di tornare in Europa, prima a Barcellona, dove l’affresco di sua nonna Teresa sta per essere asportato dal muro del vecchio patio, poi in Italia, precisamente a Nesso, sul lago di Como, per via di un messaggio inquietante ricevuto da una sconosciuta.

ETTORE MARIA PERON, DAVIDE DELL’ACQUA, PATRIZIA AZIMONTI, Nesso e dintorni, ItineLario editore, collana Cosmo Lago/Quaderni di viaggio nei territori lariani, 2015. #lagodicomo


Qui la presentazione a NESSO, 26 Febbraio 2016:

https://coatesa.com/2016/02/27/video-della-presentazione-di-ettore-maria-peron-davide-dellacqua-patrizia-azimonti-nesso-e-dintorni-26-febbbraio-2016/


 

COSMOLAGO2406COSMOLAGO2407COSMOLAGO2408


acquistabile dal sito:

e presso:

Libreria Dominioni

Libreria Noseda/Libraccio di Via Cantù, Como

il Libraccio di Via Giulini

Libreria Andreoli di Via Rovelli, Como

negozio di Alimentari Boleso Mariangela, Via Borgonuovo , Nesso

In dit eeuwenoude vissershuis in Nesso direct aan de oever van het Lago di Como is ons appartement te huur

Verblijf in een schitterend 18e eeuws vissershuis direct aan het Comomeer

Het appartement

In dit eeuwenoude vissershuis in Nesso direct aan de oever van het Lago di Como is ons appartement te huur.

Zo direct aan het water en weg van alle verkeer is het er heerlijk rustig. Vanuit het huis hoort u het water zachtjes tegen de oever klotsen. Gasten maken gebruik van de grote groene tuin. Vanuit de tuin kunt u zo het water in om te zwemmen.

Het appartement is klassiek en stijlvol ingericht. Het beslaat het grootste gedeelte van de eerste verdieping. Het heeft 5 hoge ramen met spectaculair meerzicht, een zeer grote slaapkamer met balkonnetje, een grote woonkamer met keukenhoek, en een moderne badkamer. Het appartement is circa 70 m2 en geschikt voor 2 tot 4 personen. De verhuur is van zaterdag tot zaterdag.

Sorgente: Vissershuis Comomeer

PER L’ANTICA PIEVE DI NESSO Domenica 22 Febbraio 2015 | ore 9.30-12.30 Con la guida di Darko Pandakovic e Alessandro Verga, a cura di Chiave di Volta

NEWSLETTER #01/2015
View this email in your browser

Territorio: itinerari culturali

PER L’ANTICA PIEVE DI NESSO
Domenica 22 Febbraio 2015 | ore 9.30-12.30

Con la guida di Darko Pandakovic e Alessandro Verga

La nostra “stagione” 2015 si apre sulla sponda ombrosa e rurale del lago di Como, quella che da Como va a Bellagio, con una mattinata alla scoperta di chiese, borghi, ponti, acque e panorami dell’antica Pieve di Nesso.

Quali tracce di questa antica e duratura pieve sono ancora presenti?

Cammineremo tra le frazioni dell’attuale Comune di Nesso visitando le chiese diSanta Maria con affreschi del XIII e XVI secolo, la parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, di antica fondazione ma di aspetto seicentesco e la piccola chiesa di Castello dedicata a San Lorenzo.

Durante il cammino attraverseremo le strette frazioni di BorgoCoatesa,
RivaVico,Tronno, osserveremo l’orrido e la confluenza delle sue acque, percorreremo le antiche mulattiere fin giù alla riva del lago.

L’itinerario sarà effettuato a piedi ed è alla portata di tutti.
Iscrizioni entro giovedì 19 febbraio a prenotazioni@chiavedivolta.org

Programma dettagliato e modalità di partecipazione a questo link

Per l’antica Pieve di Nesso.

VIDEO e AUDIO della presentazione di: BASILIO LUONI e MAURO VACCANI, LA VITA LA GHE VA ‘DREE A LA CAMISA, la vita a Lezzeno alla fine della civiltà contadina 1900-1950. Modera l’incontro Gabriella D’Ina, a cura della Biblioteca del Comune di Nesso, venerdì 5 dicembre 2014, ore 21

REGISTRAZIONE AUDIO:

Locandina tratta dal sito del Comune di Nesso:

http://www.comune.nesso.co.it/po/mostra_news.php?id=144&area=H&x=

 

 

2014-11-28_114444 2014-11-28_114522 2014-11-28_114532

 

vai alla scheda del libro:

VAI ALLO SCAFFALE DELLE OPERE DI BASILIO LUONI:

ACQUE E ROCCE, studi sui percorsi delle acque sotterranee delle grotte del Pian del Tivano – Valle del Nosèe, con Paola Tognini, Roberto Sala, Virginia Mandracchia, Comune di Nesso/biblioteca comunale, 17 ottobre 2014, ore 20 e 45

2014-10-17_182300 2014-10-17_182343 2014-10-17_182355

Il Castello di Nesso

2014-06-08_084338 2014-06-08_084317 2014-06-08_084253Mi scrive Luca:

  • Nell’interno di questo post ci sono 3 fotografie del Castello di Nesso.
    E’ il vescovo di Como che lo ha fatto erigere nel ‘300 come sua abitazione,quando ha dovuto sloggiare da Como perché troppo pericolosa per
    la sua incolumità.
    Erano tempi in cui i Rusca o Rusconi e i Vitani,ghibellini e guelfi,se le
    davano ancora di santa ragione,e a seconda di chi prevaleva cambiava l’aria
    in città…..ed anche il Vescovo doveva cambiare aria.
    Erano i tempi di Azzo o Azzone Visconti a Milano, che aveva fatto
    rinforzare le mura della Cittadella di Como,creando una minuscola città
    murata all’interno delle mura federiciane.
    Giusto un quadrilatero fondamentale che chiudeva dal fianco settentrionale
    della Chiesa di S.Giacomo,allora parallela all’attuale fianco del
    Duomo,avendo la facciata con 2 campanili gemelli (come S.Abbondio) a filo
    del Broletto e Torre Civica,scendendo grossomodo per Via Plinio,allora non esistente,fino alla Darsena del Vescovo a lago,e ritornando su grossomodo
    per Piazza Roma e Via Rodari,chiudendo l’anello.All’interno il cuore del
    Governo Civile e Religioso di Como:il Broletto,sede del Comune,dove si
    riunivano i Decurioni di Como,il Pretorio,palazzo gemello e parallelo al Broletto in corrispondenza dell’abside Nord del Duomo (difatti è stato
    prima troncato e poi demolito del tutto,proprio x far posto a
    quest’abside),dove erano il Tribunale e le Carceri,l’Episcopio chiuso
    proprio in mezzo alla cerchia delle mura di Azzone.
    Al posto del Sociale c’era il Castello della Torre Rotonda,demolito x far
    posto al Sociale,altro presidio Visconteo nel cuore della Città,a cui le
    mura di Azzone si collegavano=quindi anche il Duomo era tutto compreso all’interno delle 2 fortificazioni dei Visconti.
    Tornando al Castello di Nesso,in quei decenni sede episcopale,per quel
    soggiorno la Plebana di Nesso divenne provvisoriamente la Cattedrale diocesana,in quanto vi celebrava il Vescovo.
    Di antichissima fondazione,la plebana di Nesso era la sede capo-pieve della Plebs della prima parte del Lago.
    Così strategicamente importante che Urbano II nell’ultimo decennio del 1000=1090 circa,aveva ritenuto importante nei giorni di suo soggiorno a
    Como nel viaggio fra Roma e Clermont-Ferrand in Francia,dove andava a
    indire la 1a Crociata,di fare sosta a Nesso x consacrare personalmente la ricostruzione romanica della Chiesa Matrice,negli stessi giorni in cui consacrava anche la Chiesa benedettina di S.Abbondio a Como,ricostruita in
    veste romanica sul luogo della precedente paleocristiana Basilica dei Santi Apostoli Pietro e Paolo,e anche della Chiesa di S.Maria Nullate,ancora
    esistente se pur in veste sette-ottocentesca,in quel di Vergosa oggi
    divenuto S.Fermo della Battaglia.
    Forse ne ha consacrate altre,ma di queste 3 ne sono a conoscenza.
    Da notare che Urbano II è l’unico Papa in visita a Como prima di Giovanni
    Paolo II nel 1996……
    eccoti un a storiella,se non la conoscevi già.
    ciao.Luca

Nesso. L’economia della terra – di Fabio Cani – NodoLibri editore, Como, 2011

Nesso. L’economia della terra – Fabio Cani – NodoLibri – libro NodoLibri Editore http://t.co/QX3kcXReMe

La vita economica (ma anche, ovviamente, quella culturale) di un paese del lago nelle fasi che…
NODOLIBRIEDITORE.IT

econ terra876econ terra877

Altri libri pubblicati a cura della Biblioteca di Nesso:

econ terra878

RIORGANIZZAZIONE DEL PAESAGGIO STORICO DELLA VAL DI NESSO, TESI DI Silvio Bonali, RELATORE Darko Pandakovic, Politecnico di Milano Facoltà di Architettura, 1999/2000

Politecnico di Milano

Facoltà di Architettura

RIORGANIZZAZIONE DEL PAESAGGIO STORICO DELLA VAL DI NESSO

 

Relatore:Prof. Darko Pandakovic

Studente:Silvio Bonali

Anno accademico 1999/2000



INDICE

  1. INDICE pag. 2
  2. ELENCO TAVOLE pag. 3
  3. ABSTRACT pag. 4
  4. INTRODUZIONE pag. 6
  5. CENNI STORICI SUL TRIANGOLO LARIANO pag. 6
  6. VAL DI NESSO pag. 10
  7. NESSO pag. 10
  8. VELESO pag. 13
  9. ZELBIO pag. 13
  10. LA NATURA COME STORIA pag. 16
  11. L’AMBIENTE pag. 23
  12. PIANO SOCIO-ECONOMICO E TERRITORIALE pag. 26
  13. PROBLEMI DELL’ATTIVITA’ TURISTICA pag. 28
  14. TURISMO SOSTENIBILE pag. 30
  15. LA BIODIVERSITA’ pag. 32
  16. STRUTTURA DEL PROGETTO pag. 35
  17. RELAZIONE SUL PROGETTO pag. 36
  18. MODALITA’ DI INTERVENTO SULLE INFRASTRUTTURE pag. 40
  19. NORMATIVE RELATIVE AL PROGETTO pag. 42
  20. BIBLIOGRAFIA pag. 49

La valle di Nesso che interessa il nostro studio ha come livelli massimi il monte S.Primo, il monte Forcoletta e la Colma del Piano, sotto i quali si estendono gli altri cordoni principali che sono:

i monti di Erno, attraversato da frequenti frane, il Pian del Tivano, il Piano di Nesso, gradatamente i cordoni si abbassano formando bellissimi terrazzi morenici.

A circa 750m. abbiamo i terrazzi di Zelbio e di Erno, a 350 300 i ripiani di Scerio e Vico che sono le frazioni più alte di Nesso.

Molto frequenti in tutta regione, quasi totalmente calcarea, sono i fenomeni carsici. Un inghiottitoio che si trova al centro di Pian del Tivano, chiamato Buco della Nicolina, raccoglie tutte le acque del pianoro, numerose sono le grotte tra le quali le più note sono: la Grotta Guglielmo sul versante occidentale del Palanzone, profonda 350m. e la Grotta Masera sopra Careno.

Vario è il territorio riguardo alla vegetazione. Le pendici più elevate sono coperte esclusivamente da pascolo,(S.Primo e la Forcoletta) fino all’altezza di Pian del Tivano 970m. dove si hanno i primi terreni coltivati quasi esclusivamente a patate e cavolfiori di cui si fa grande smercio.

Lungo la striscia più bassa i fianchi dei monti sono coperti da boschetti di ginestre tra i quali si ergono maestose querce e qualche pino, faggi ,betulle, boschi di nocciolo.

Già verso i 1000m. si trova qualche albero da frutta selvatico: ciliegio, melo.

Anche qui , come nella zona del pascolo, la risorsa principale è costituita dall’allevamento del bestiame (soprattutto bovino mentre è poco diffusa la pastorizia) e dall’industria casearia.

L’abitazione salvo qualche caso, non è fissa, le casupole sparse sono abitate solo nella stagione estiva durante la quale si falcia il fieno e si sfrutta il pascolo.

Scendendo verso i centri abitati costantemente la vegetazione si fa più folta, si ha la fascia del castagno che va da circa 900m. fino al lago. Il bosco (costituito da castagni e noci), oltre ad essere una notevole risorsa, per il legname ed i frutti che se ne ricavano, è una delle più belle attrattive della zona e, dandole un aspetto pittoresco, offre con la sua ombra refrigerio ai villeggianti che numerosi vi si ristorano durante l’estate.

I campi disposti a terrazzi e rivolti a mezzogiorno, sono coltivati in massima parte a patate, granoturco ed ortaggi.

Il frumento è coltivato in quantità limitata sulla montagna, mentre si trova abbondante in riva al lago.

Qui campi ed orti sono coperti da pergolati, infatti la vite è una delle piante che meglio di adatta al clima umido e mite del lago, insieme all’ulivo ed alle piante da frutta.

Molto diffusa era, parecchi anni fa, la coltivazione del gelso, per l’allevamento del baco da seta che ora purtroppo si può dire completamente scomparso.

 

 

NESSO

Fino a metà dell’ottocento si presenta come una tipica pieve rurale, anzi lacustre, che unisce i disagi della montagna a quelli del lago, come le lamentele che ricorrono nei documenti continuamente ricordano: povertà economica, strade impervie, insediamenti abitativi sparsi e disagiati.

Quanto alla tradizione che vorrebbe far risalire l’origine della pieve di Nesso addirittura a Ermagora di Aquileia, non è che il riflesso locale di una più ampia ma non più sincera tradizione che individua in Ermagora uno dei possibili fondatori della Chiesa di Como, nella comprensibile e diffusa ambizione di dare alle Chiese locali una fondazione, se non apostolica, quanto meno subapostolica: Ermagora era, infatti, discepolo, se non proprio di un apostolo, di un evangelista, Marco. Il riferimento ad Aquileia è invece un riflesso del fatto, più noto, dell’aggregazione della Chiesa di Como al patriarcato di Aquileia, avvenuto all’inizio del VII secolo – a motivo del permanere di Como, con Aquileia, appunto, nello scisma suscitato in Occidente, e soprattutto nel Nord Italia. Dallo scandalo creato dalla passiva soggezione del papa Vigilio all’imperatore nell’episodio dei Tre Capitoli, mentre Milano si era di nuovo allineata con Roma. Si può ben concludere che l’origine del cristianesimo di Nesso attribuita a Ermagora appare più come legenda che come tradizione.

Nel secolo XI troviamo la prima testimonianza di una struttura plebana, nel senso di un collegio di preti, viventi secondo una regola, addetti alla cura di una “plebs”, ossia ad una popolazione di un territorio periferico, rispetto alla città sede del vescovo.

Quanto alla data precisa di fondazione della pieve, non è possibile individuarla: rispondendo ai quesiti del vescovo durante la visita pastorale, l’arciprete di Nesso, nel 1696, scriverà che la collegiata di Nesso era tale “habitu sed non actu”: per tradizione antica non per un atto giuridico di cui si conservi ancora traccia.

La parola “plebs” significa “popolo”, indica una comunità territoriale che si riconosce come popolo raccolto attorno a una chiesa matrice, fornita di battistero, luogo di aggregazione al popolo di Dio.

Diffondendosi dalla città vescovile verso il territorio circostante, la presenza cristiana si attesta innanzitutto in alcune località geograficamente socialmente già significative e qui organizza il territorio circostante, praticamente come un’unica grande parrocchia.

Particolarmente interessante il documento moltrasino del 1058 con cui Enrico da Vignola ed Enrico detto Forte, consoli di Moltrasio, vietarono di piantare gli alberi sulla costa del monte appena disboscato e destinato alla coltura della vigna. Se la data del documento, pubblicato agli inizi del secolo da Piero Buzzetti, è corretta, si tratta di una precocissima testimonianza della capacità di emanare ordinati da parte di un comune rurale.

La gestione dei boschi e dei pascoli di proprietà pubblica era senza dubbio una delle principali preoccupazioni dei comuni rurali del Lario, come è dimostrato dagli esempi di Torno e Moltrasio. Purtroppo non è sopravvissuta alcuna documentazione di questo tipo attinente a Nesso, ma i beni comuni sono frequentemente ricordati nei documenti come confinanti ai terreni privati: non si può dunque dubitare che essi avessero grande importanza ( ancora nel ‘700 il comune possedeva oltre metà dei terreni del borgo ) e svolsero un ruolo fondamentale in un centro in cui l’allevamento del bestiame aveva una grande importanza.

Non è facile ricostruire come fosse il paesaggio nel territorio nessese nel medioevo. I documenti a nostra disposizione descrivono vari appezzamenti di terreno, illustrandone sinteticamente le colture: campo a cereali (“terra laborativa”), vigna (“terra vineata”), bosco (“silva”), prato (“terra prativa”) o varie combinazione di esse. Molto raramente però è possibile sapere qualcosa di più su di esse, le loro dimensioni, la forma, quali piante vi fossero allevate.

Qualche informazione su come i nessesi del medioevo percepissero il loro territorio può fornirla la microtoponomastica, ossia i nomi forniti dai documenti alle località dove si trovavano i campi, nomi, peraltro, spesso sopravvissuti fino ad oggi.

Quali erano dunque, i punti di riferimento che si offrivano ai Nessesi per ritrovarsi nel loro territorio? Alcuni ovviamente erano costituiti da costruzioni di particolare importanza: ecco dunque alcuni campi ed orti siti sotto la località Vico, campi e viti siti presso la chiesa di S.Maria, campi e prati siti presso il Mulino “Cirixolum” e, nei pressi del borgo, un campo “Alla Porta” e uno presso la “Portezella”, evidentemente posti presso le fortificazioni. Anche le strade i sentieri che attraversano il territorio davano spesso nome ai campi ed ai boschi ( per esempio, un campo con viti situato “subtus stratam de Zelbio”). Spesso i toponimi facevano riferimento ad elementi del paesaggio, quali le piante: l’abbondanza di noci dava nome ad esempio alla “Valle de Noxedum”, ancora oggi “Valle Noséé” sulla strada per Zelbio, dove si trovano i campi, vigne e, ovviamnte, boschi con noci e castagni. I castagni dovevano inoltre prevalere nella zona detta “Castenetam”, dove si trovano alcuni campi, così come i frassini dovevano caratterizzare la località omonima (“Ad frassinum”) sita non lontano da Zelbio. Sul lago prendevano il sopravvento gli ulivi, come attestano i toponimi “Olivala” e “Ad Zocham de Olivala”. Molto interessante è il toponimo “La Taliata”, che denominava alcune selve: si trattava probabilmente di un bosco ceduo, destinato al taglio. Anche i massi erratici, così tipici di queste montagne, davano nome ai campi detti Al Sasso (“Ad sassum”), Alla Pietra Grossa (“Ad pedram grossam”) e Alla Pietra Piatta (“Ad pedran platam”). Sperse qua e là per le campagne dovevano poi trovarsi lacune croci, forse simbolo della pietà popolare e forse, strumenti per delimitare il territorio.

Il territorio nessese venne reso coltivabile grazie alla diffusione dei terrazzamenti, anche oggi caratteristici del paesaggio della zona e che nella documentazione medioevale venivano indicati come campi situati “uno sopra l’altro” (“unum super aliud”).

L’agricoltura nessese pare essere stata destinata essenzialmente all’autoconsumo da parte degli abitanti del borgo, e ciò nonostante non sempre doveva essere sufficiente: almeno nella prima metà del Quattrocento i Nessesi dovevano rivolgersi ai vicini Tornaschi per le forniture di vino. Per quanto riguarda i cereali, dai contratti che prevedevano il pagamento di fitti in natura, si può notare come venissero coltivati soprattutto i grani destinati alla panificazione, quali il frumento, la segale e il miglio, ma non mancavano anche cereali minori, come l’orzo e il panico, utili per le zuppe e le minestre.

La forte vocazione all’autoconsumo dell’agricoltura nessese lasciava poco spazio alle altre colture, in particolare ai frutteti, rei di sottrarre luce ai preziosi cereali. L’unico albero presente con una certa frequenza nei pressi del borgo era l’ulivo, anche se si trattava sempre di presenze sporadiche.

Se nei dintorni del borgo e nelle zone meglio insolate terrazzamenti e spianate erano occupati dai cereali, dalle viti e da qualche olivo, la maggior parte del territorio nessese era occupata dal bosco.

Nell’economia agricola di un paese di montagna come Nesso il bosco ricopriva un’importanza fondamentale: non solo infatti da esso provenivano legna per le costruzioni e legna da ardere, ma vi si portavano al pascolo le capre, pecore e maiali e la raccolta dei frutti costituiva un’importantissima integrazione del vitto delle famiglie.

Prima dell’arrivo della coltivazione del mais dall’America, fu il pasticcio di farina di castagne a ricoprire il ruolo che poi fu della polenta ed ancora nel secolo scorso i mugnai della zona di Faggeto Lario macinavano grandi quantità di farina di castagne. A causa di questa sua grande importanza il castagno era oggetto di particolari cure nei paesi del lago, a Torno, per esempio, era vietato scortecciare i castagni o farvi pascolare gli animali e il Comune promuoveva la diffusione di tali piante cedendo gratuitamente le terre a chi intendesse impiantarvene.

Per scoprire quali bestie erano allevate a Nesso, data la reticenza della documentazione locale, è opportuno rivolgersi alle “soccide” stipulate dai Nessesi con i Tornaschi davanti al notaio di quest’ultima località. La “soccida” era un tipo di contratto molto diffuso nel Medioevo, che associava un finanziatore ed un allevatore. Il finanziatore acquistava del bestiame e poi lo affidava all’allevatore che s’impegnava a versargli la metà di tutti i guadagni che n’avrebbe ricavato oltre che, talvolta, a rifondergliene anche il prezzo. I ricchi mercanti tornaschi fecero molti contratti di questo tipo con gli abitanti dei paesi del Lario e, fra questi anche con i Nessesi, ai quali affidavano pecore, capre, manzi e mucche.

Strettamente connessa con l’allevamento era la presenza sui monti di Nesso delle cascine (“cassine”), piccoli edifici rustici destinati a ricoverare temporaneamente i pastori e i loro atrezzi da lavoro: tali costruzioni, come a Torno, dovevano essere molto semplici, ad un solo piano, con un tetto di paglia o frasche. Col passare del tempo però le “cassine” tendevano a diventare più solide o complesse e nel corso del ‘400 ne compaiono alcune dotate di tetti in lastra di ardesia (o “aplodate”, coperte di pioeude) o con cortili, mentre nel XVI secolo, da un rapido spoglio degli estimi, appare evidente come ormai quasi tutte le cascine fossero costruite in muratura.

vai a:

RIORGANIZZAZIONE.

Nesso, 9 agosto, Davide Van De Sfroos canterà il lago e le sue bellezze in “Musica di contrabbando”, da Terra & Acqua di Lombardia

Il 9 agosto a Nesso ci sarà la tradizionale festa di San Lorenzo la cui conclusione prevede uno spettacolo pirotecnico alle 23 capace di regalare emozioni uniche . Il Festival Terra&acqua propone:

• Al tramonto in una località a sorpresa (che sarà comunicata il giorno prima dall’artista direttamente sul suo profilo facebook) e raggiungibile solo a piedi Davide Van De Sfroos canterà il lago e le sue bellezze in “Musica di contrabbando”.

vai all’intero post qui:

Terra & Acqua di Lombardia – Festival Lago di Como – NESSO – Borgo di Nesso.