Maltempo, emergenza costante: tutti gli aggiornamenti – 28 giugno 2017

VIDEO Un fiume si abbatte contro Sant'Abbondio: chiesa salva (per miracolo), allagati Centro Pastorale e ingresso dell'Università
VIDEO Blevio, tracimati due torrenti tra le frazioni: evacuate cinque famiglie
Bene Lario, stalla isolata da una frana. Coldiretti: "Danni ingenti legati al meteo"
DRONE Lurate Caccivio la furia della tempesta ha sradicato i tetti dei capannoni. Trascinati per decine di metri
FOTO Rebbio, allagata la scuola d'infanzia: bimbi rimandati a casa. Da mesi il tetto è coperto da un telo di plastica
Maltempo e danni: allagamenti, alberi caduti, treni fermi a San Giovanni. Da stanotte più di cento interventi dei vigili del fuoco

Sorgente: VIDEORACCONTI Maltempo, emergenza costante: tutti gli aggiornamenti – pamalteo@gmail.com – Gmail

Siccità: chiesto lo stato di emergenza nazionale – Regioni.it – n. 3184 del 19-06-2017

La situazione della siccità nel nostro Paese continua ad essere critica e si cerca quindi sul territorio di organizzarsi e di cautelarsi rispetto ad un’estate che si annuncia ancora più calda degli anni passati. In molti territori già manca l’acqua sia potabile che per le coltivazioni e l’allevamento. Viene quindi chiesta la dichiarazione dello stato di emergenza nazionale.

vai a:

Sorgente: Regioni.it – n. 3184 del 19-06-2017 – Siccità: chiesto lo stato di emergenza nazionale – Regioni.it

Pioggia in calo: -35% a Lecco, -29% a Como in 4 anni. Allarme Coldiretti: “A rischio frutta, ortaggi e formaggi” – da Espansione TV 14 giugno 2017

Piove sempre meno sul Lario. È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti provinciale su dati Ucea, che stima come negli ultimi 4 anni nelle province di Como e Lecco il livello medio di precipitazioni sia calato drasticamente. Nel comasco, tale decremento si attesta attorno al 29%,

vai all’intero articolo

Sorgente: Pioggia in calo: -35% a Lecco, -29% a Como in 4 anni. Allarme Coldiretti: “A rischio frutta, ortaggi e formaggi” – Espansione TV

sulle persone e il terremoto del centro Italia da una poetessa di lago che preferisce rimanere anonima, 24 agosto 2016

sulle persone e il terremoto del centro Italia
da una poetessa di lago che preferisce rimanere anonima:
 
Sindaco senza paese
 
“Come si sente?”
le telecamere inseguono
tra cumuli di pietre scomposte
sulla faglia di Montereale
pietre squadrate
dai nonni dei nonni
un anziano guarda
la morte che macera
il tradimento dei tronchi
e del grembo
 
“Come si sente?”
sono morti bambini
sopravvivere è un pensiero carnefice
 
eppure il caso
venature d’aria
un giovane è portato verso l’ambulanza
gli occhi luccicano sopra le macerie
un accenno di sorriso e di pianto
è vivo
un respiro senza incanto
ma è un respiro
un germoglio sotto la cenere
regalato al giorno
 
“Come si sente?”
la vita, la sorte, la catastrofe, lo stupore, la solitudine
la solitudine e
per un caso fortuito e fortunato una ciocca di capelli e due dita
 
stremato, ma c’è da fare
spaventato, ma non c’è scelta
la notte sarà fredda e senza sogni,
 
la email che mi ha inviato:
una cosa piccola e fragile, banale … ma è oggi e l’oggi si dice sempre male
 
se vuoi usarla non firmarla assolutamente, l’oggi è dei morti e dei sopravvissuti
 
è quasi vergognoso guardarli… quelle telecamere che li inseguono, quei giornalisti che chiedono ” come si sente?”… crollo su crollo

E’ un’estate rovente quella appena iniziata, come confermano i meteorologi, che per i prossimi giorni prevedono ancora un aumento delle temperature «con picchi che arriveranno a toccare anche i 40 gradi in molte città

E’ un’estate rovente quella appena iniziata, come confermano i meteorologi, che per i prossimi giorni prevedono ancora un aumento delle temperature «con picchi che arriveranno a toccare anche i 40 gradi in molte città «. In particolare, spiegano gli esperti del Centro Epson Meteo, “l’afa e le alte temperature torneranno a farsi insopportabili da mercoledì quando l’alta pressione africana punterà con più decisione verso l’Italia e i Balcani, trascinando con sé una massa d’aria molto più calda e afosa, capace di originare una nuova ondata di caldo intenso».

Le prime regioni ad essere raggiunte dalla bolla di aria africana saranno quelle centromeridionali nella giornata di mercoledì, mentre da giovedì saranno investite anche le regioni settentrionali. Già a partire da questa sera, – spiegano i meteorologi del centro 3Bmeteo – «le temperature aumenteranno, per salire sempre di più giorno dopo giorno, così come l’afa, fino a toccare il picco dell’ondata di calore venerdì 17, quando alcune località potrebbero sfiorare i 38-40 gradi»

Como, vento fino a 100 km/h. Cantù Asnago, emergenza per il campanile. Lariana chiusa – Cronaca Como

Raffiche fortissime in tutta la provincia. Nella notte il vento ha raggiunto velocità superiori ai 100 km/h in montagna, tra i 70 e gli 80 km/h in pianura. La massima intensità è prevista nel pomeriggio di oggi, giovedì 5 marzo. Chiusa a Faggeto Lario la strada Lariana. Cantù Asnago: Allarme per il campanile della chiesa e un pioppo cade vicino al campetto dell’oratorio

da Como, vento fino a 100 km/h. Cantù Asnago, emergenza per il campanile. Lariana chiusa – Cronaca Como.

Vento Ieri tempeste di vento con raffiche fino a 160 chilometri orari hanno colpito il centro Italia. Ci sono state 3 vittime: a Urbino, poco dopo le 8, Rita Bucarini, 45 anni, stava attraversando una strada quando è stata travolta da un albero sradicato dal vento. Vicino Lucca un masso si è staccato dalla montagna ed è piombato sulla strada, schiacciando un’auto in transito: morto il conducente, Sauro Tortelli, 41 anni. E al vento viene attribuita anche la morte a Buscate di Milano di un uomo di 76 anni, scaraventato da una raffica su un furgone mentre pedalava in bicicletta e rimasto ucciso nello scontro. A Forte dei Marmi le folate hanno abbattuto mille pini, devastato lo storico locale della Versiliana, danneggiato seriamente simboli del lusso come il quartiere di RomaImperiale e le boutique dell’alta moda sulla passeggiata a mare. A Bolgheri il vento ha abbattuto una decina di cipressi del viale celebrato da Giosuè Carducci nella suaDavanti San Guido. A Firenze danni a Boboli, Ville Medicee, Poggio Imperiale, Cimitero degli Inglesi, Cascine. A Pienza chiuso alle auto l’intero centro storico patrimonio dell’umanità Unesco e a Cortona è venuto giù un campanile del Seicento.

Como ancora sotto la pioggia E la previsioni sono nere – 23 agosto 2014

Como –  

Previsioni, purtroppo, confermate. Como si è risvegliata sotto una forte pioggia e temperature autunnali. La “colpa” di questo ennesimo brutto giorno di un’estate da dimenticare è ancora una perturbazione di origine atlantica per la quale addirittura

il Dipartimento della protezione civile aveva emesso un allerta meteo che prevedeva precipitazioni intense e diffuse. Como forse dovrebbe evitare il peggio, ovvero grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, che colpiranno in particolare Veneto, Friuli Venezia Giulia e in estensione su Umbria e Lazio settentrionale.Tuttavia il Dipartimento ha valutato una criticità arancione per rischio idrogeologico per i settori prealpini centrali lombardi, nonché per rischio idraulico sulla pianura lombarda occidentale.

Per il momento non si riscontrano situazioni preoccupanti nel Comasco anche se sono sotto controllo i punti critici in città e nel territorio

da Como ancora sotto la pioggia E la previsioni sono nere – Cronaca Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

Il mese di Luglio 2014 che si è chiuso ieri sarà ricordato indubbiamente come uno dei più piovosi in assoluto nella storia recente del Comasco, luglio 2014

Il mese di Luglio 2014 che si è chiuso ieri sarà ricordato indubbiamente come uno dei più piovosi in assoluto nella storia recente del Comasco. Molte stazioni infatti, specie nella parte centro-meridionale della provincia, hanno totalizzato accumuli pluviometrici non solo pari al doppio, ma addirittura al triplo (e più) della media storica mensile! In alcune località della Brianza Comasca (Cantù c.na Amata, Arosio) e del Lario (Rovenna di Cernobbio, Torno, Ossuccio) sono stati superati addirittura i 400 mm di pioggia: record a Caraniso di Torno con ben 443 mm!

da  Meteocomo.

Pioggia torrenziale. Grossi problemi a Colonno, Brienno e Argegno

La nuova ed ennesima ondata di maltempo ha causato grosse frane che hanno provocato la chiusura per almeno due ore della Statale Regina.

Grossi problemi a Colonno dove la pioggia è scesa in quantità industriali per diverse ore, ma anche a Brienno, Argegno 

da Pioggia torrenziale e frane sulla Regina, chiusa per due ore la statale. Disastro in Ticino.

 

Maltempo: frana a Bellagio: due persone rimangono ferite – Il Giorno – Como

25 dicembre 2013 – Poteva essere un bilancio molto più pesante quello del Natale sul Lago di Como. Una frana è caduta a Bellagio oggi pomeriggio poco dopo le 18.30. La terra ha travolto la Strada Statale 41 in direzione Guello senza però, stando alle prime informazioni, travolgere nè case, nè automobili di passaggio. Due persone però sono rimaste ferite e intrappolate nella loro auto dalla caduta di massi sulla strada

Caldo e afa, 9 città a rischio

Con l’anticiclone a matrice subtropicale sahariana che ha portato il caldo nella Penisola, arriva anche il bollettino con cui il ministero della Salute monitora l’afa e indica le città a rischio. Bollino rosso, sabato, in 9 città: Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Genova, Perugia, Roma, Trieste, Verona. Rischi per tutta la popolazione, e non solo per bambini, malati cronici e anziani. Bollino arancione, specifico invece per tali categorie – a Frosinone, Latina, Milano, Pescara, Rieti, Torino, Venezia e Viterbo.

Previsioni
Domenica 28 luglio: cielo sereno ovunque con ventilazione scarsa; condizioni di forte afa e temperature elevate su gran parte del paese con massime ancora comprese tra 35ø e 38ø su Pianura Padana centro-orientale, pianure interne delle regioni
tirreniche, Puglia settentrionale, Basilicata e Sicilia orientale, punte di 40ø in Sardegna.

Luned 29 luglio: generali condizioni di bel tempo, ma con attività temporalesca pomeridiana in area alpina, specie sul settore occidentale. L’ondata di calore raggiunge l’apice persistendo sulle medesime zone.

Marted 30 e Mercoled 31 luglio: l’anticiclone subisce un’attenuazione sulle regioni settentrionali

Caldo e afa, 9 città a rischio.

Tempesta di grandine in una notte di luglio

Notte del 13 luglio 2013.

Attorno alle quattro  del mattino una fortissima tempesta di grandine si abbatte sull’orto, sugli alberi del giardino, sulla casa.

Tutta la verdura fragile soccombe: insalate, zucchine, cetrioli, fagiolini, basilico, zucche, fusti della patate …  Forse solo qualche sporadico pomodoro resisterà.

Foglie uccise dappertutto.

Non c’è nulla da fare: si può solo guardare la natura ferita (possibilmente in SILENZIO), rimediare a qualche danno e cercare di non pensare alle ore di lavoro dei mesi di aprile, maggio, giugno. Tutta una stagione di sperato raccolto è molto compromessa da questo attacco rapido, feroce, vigliacco.

Occorre “fare resilienza”, come insegna il giovane merlotto che si aggira (lui felice) fra la terra smossa a cercare i vermetti di sopravvivenza.

IMG_1418

IMG_1419

IMG_1420 IMG_1421

IMG_1422 IMG_1423

IMG_1424 IMG_1425

IMG_1426 IMG_1427

IMG_1428

IMG_1429

IMG_1430

IMG_1431

IMG_1432 IMG_1433

IMG_1434 IMG_1435

IMG_1436 IMG_1437

IMG_1438 IMG_1439

IMG_1440 IMG_1441

IMG_1442

IMG_1443 IMG_1444

IMG_1445

IMG_1458 IMG_1459 IMG_1460 IMG_1461 IMG_1462 IMG_1463 IMG_1464 IMG_1465 IMG_1466

Che clima farà? Aumento della temperatura e fenomeni atmosferici anomali, Valter Maggi, climatologo dell’Università di Milano-Bicocca

Che clima farà? Aumento della temperatura e fenomeni atmosferici anomali.
La temperatura media dell’atmosfera sulla Terra è cresciuta di circa tre quarti di grado in un secolo. E nell’area del Mediterraneo l’aumento è stato ancora superiore. Anche a dispetto della primavera “fredda” appena trascorsa. Quali effetti provoca questo aumento della temperatura? Come condiziona la frequenza e l’intensità di piogge, nevicate e cicloni tropicali? Ce lo siamo fatti spiegare da Valter Maggi, climatologo dell’Università di Milano-Bicocca

Como, violento acquazzone nella notte

Un violento acquazzone si è abbattuto poco prima dell’alba sul Comasco, con non meno di 10 millimetri di pioggia cadute in appena mezz’ora in città. Pioggia che ha causato un nuovo innalzamento del livello del lago. Nonostante a Magrate siano state aperte le paratie per far defluire il Lario, l’acqua ha iniziato a invadare una corsia di fronte a piazza Cavour e la soglia esondazione è ora soltanto a 7 centimetri.

Como, nubifragio nella notte Sul Lungolago chiusa una corsia – Cronaca – La Provincia di Como – Notizie di Como e Provincia.

Smottamenti e case isolate Como in ginocchio per il maltempo – Il Giorno

Maltempo nel Comasco (Cusa)

Maltempo nel Comasco (Cusa)

Como, 20 aprile 2013 – Decine di smottamenti, una casa e due baite isolate, un centinaio di interventi da parte dei vigili del fuoco da ieri sera a stamani. Questo un sommario bilancio del maltempo che ha flagellato il C omasco. Ingenti i danni arrecati dalla violenta grandinata abbattutasi sulla zona nel tardo pomeriggio di ieri. A Blevio si sta mettendo in sicurezza uno smottamento che rischia di finire contro le abitazioni della frazione Girola. Sul posto sono al lavoro pompieri e tecnici comunali. La zona che sembra essere fra le più colpite è quella del Triangolo Lariano fra Canzo e Bellagio.

Proprio a Bellagio un’abitazione è rimasta isolata in località San Primo dopo che una frana ha praticamente spazzato via un pezzo di strada. Quando ieri sera il proprietario ha fatto rientro si è trovato nell’impossibilità di raggiungere la sua abitazione. Sempre a San Primo è isolata anche una baita. Allagamenti sono segnalati a Barni, Magreglio, Caglio.

da Smottamenti e case isolateComo in ginocchio per il maltempo – Il Giorno – Como

Il lago cresce di mezzo metro
La Provincia di Como
In poco più di ventiquattr’ore, intanto, il lago di Como è cresciuto di
oltre mezzo metro. L’acquazzone che si è abbattuto su tutta la provincia
continua a creare problemi un po’ ovunque. Da ieri pomeriggio sono caduti
fino a 200 millimetri di pioggia …
<http://www.laprovinciadicomo.it/stories/Cronaca/369468_maltempo_il_lago_cresce_in_24_ore_mezzo_metro/>

Piazze e negozi allagati Saltano i tombini in centro

Saltati i tombini in zona campo Coni, allagata la strada per Cernobbio, allagate piazza Cavour, piazza Volta, piazza Roma, viale Varese allagata. Via Scalabrini all’altezza del passaggio a livello impraticabile per la presenza di un fiume in mezzo alla strada. Disagi e danni in tutta la provincia. 

da Piazze e negozi allagati Saltano i tombini in centro – Cronaca – La Provincia di Como – Notizie di Como e Provincia.