l’ORTO NEI VASI, al 21 giugno 2017

POMODORI NEL LARGO DEL CILIEGIO

DSCN6156 (FILEminimizer)DSCN6157 (FILEminimizer)DSCN6158 (FILEminimizer)

ZUCCHINE NEL LARGO DEL CILIEGIO

DSCN6159 (FILEminimizer)DSCN6160 (FILEminimizer)DSCN6161 (FILEminimizer)DSCN6162 (FILEminimizer)

DSCN6163 (FILEminimizer)

ZUCCHE NEL LARGO  DEL CILIEGIO

DSCN6164 (FILEminimizer)DSCN6165 (FILEminimizer)

FAGIOLINI E ZUCCA NEL CORRIDOIO DEGLI ALBERI DA FRUTTO

DSCN6166 (FILEminimizer)DSCN6167 (FILEminimizer)

ZUCCHINE DI ALBENGA SUL CORRIDOIO DEL CACO

DSCN6168 (FILEminimizer)DSCN6169 (FILEminimizer)

POMODORO SUL  CORRIDOIO DEL CACO

DSCN6170 (FILEminimizer)

POMODORI SUL CORRIDOIO DEL CACO

DSCN6171 (FILEminimizer)

MIRTILLI SUL CORRIDOIO DEL CACO

DSCN6172 (FILEminimizer)DSCN6173 (FILEminimizer)DSCN6174 (FILEminimizer)

FAGIOLINI SUL CORRIDOIO DEL CACO

DSCN6175 (FILEminimizer)DSCN6176 (FILEminimizer)DSCN6177 (FILEminimizer)DSCN6178 (FILEminimizer)

PEPERONI SULL’ULTIMO PIANO

DSCN6179 (FILEminimizer)DSCN6180 (FILEminimizer)DSCN6181 (FILEminimizer)

ZUCCHINE LAGENARIE SULL’ULTIMO PIANO

DSCN6182 (FILEminimizer)DSCN6183 (FILEminimizer)DSCN6184 (FILEminimizer)DSCN6185 (FILEminimizer)

INSALATE NEL LARGO DELL’ORTO ZEN

DSCN6186 (FILEminimizer)DSCN6187 (FILEminimizer)

FRAGOLE NEL LARGO DELL’ORTO ZEN

DSCN6188 (FILEminimizer)DSCN6189 (FILEminimizer)DSCN6190 (FILEminimizer)

PATATE NEL LARGO DELL’ORTO ZEN

DSCN6191 (FILEminimizer)DSCN6192 (FILEminimizer)DSCN6193 (FILEminimizer)DSCN6194 (FILEminimizer)DSCN6195 (FILEminimizer)DSCN6196 (FILEminimizer)DSCN6197 (FILEminimizer)DSCN6198 (FILEminimizer)

 

Trachelospermum jasminoides (falso gelsomino)

BalconeFiorito

L’angolo del balcone mi sembrava spoglio e siccome ci gira molto vento (sono al quarto piano), ho cercato la pianta più resistente possibile per decorare questo spazio. Ho preso a Genova un vaso angolare in resina alto 60 cm, ideale per questa rampicante che richiede vasi profondi. Naturalmente ho scoperto, facendo ricerche, che questa pianta (che tutti chiamano gelsomino) è in realtà un rincospermo, che oltretutto rispetto al gelsomino è un sempreverde. Di seguito vi scrivo i consigli per le cure. Buona giornata, Francesco Diliddo

Il suo nome volgare è rincospermo e spesso viene scambiato col gelsomino. Si tratta di un arbusto rampicante che appartiene alla famiglia delle Apocynaceae, originario dell’estremo Oriente. Può essere coltivato sia in vaso su balconi e terrazzi, sia in piena terra nel giardino, addossato ad un graticcio. È noto comunemente come “falso gelsomino”: le due piante presentano caratteristiche molto diverse e non appartengono neppure alla…

View original post 453 altre parole

COREOPSIS: si presentano come densi ciuffi di foglie verde scuro, da cui in primavera partono lunghi fusti su cui sbocciano grandi fiori gialli o arancio

piante erbacee perenni o annuali, originarie dell’America del nord.

Le piante di questa particolare specie arborea preferiscono le posizioni molto soleggiate, ma si sviluppano bene anche a mezz’ombra, in un luogo in cui possano ricevere alcune ore di luce solare diretta al giorno; le posizioni poco luminose e in zone ombreggiate causano, infatti, una scarsa produzione di fiori, caratteristica fondamentale per avere un giardino colorato. Non temono il freddo invernale, anche perché le specie perenni nei periodi freddi vanno in riposo completo, risvegliandosi poi al momento della ripresa vegetativa senza presentare particolari problemi.

Amano il sole diretto e sopportano poco volentieri l’ombra, in cui fioriscono meno, e l’eccessiva umidità, che le rende sensibili al mal bianco (o oidio), un fungo che ricopre steli e foglie di una patina grigiastra che però si combatte facilmente. Per prolungare ulteriormente la già lunga fioritura, si possono tagliare i fiori man mano che si seccano, per evitare la produzione di semi che impegna energia e rallenta la pianta.

Con il tempo il cespo originale si allarga fino a dove trova spazio, tramite “stoloni”, creati dalla pianta sia sotto terra che fuori. Basta tagliarli quando hanno qualche radice per ottenere subito un nuovo giovane esemplare. In vaso vi consiglio di dividere le piante con un bel colpo di zappa quando li  vedrete troppo “affollati”.

Ulteriori informazioni su: Coreosside – Coreopsis – Coreopsis – Perenni – Coreosside – Coreopsis – Perenni

https://www.giardinaggio.it/giardino/perenni/perenni_singole/coreopsis/corepsis.asp#ixzz4jlm0dI3r

Sorgente: Coreosside – Coreopsis – Coreopsis – Perenni – Coreosside – Coreopsis – Perenni

Si fa presto a dire insalata…

Creando Idee

Asparagi, erbe spontanee, piselli, pomodori, zucchine, insalate, indivie, finocchi, carote, cipolle…in queste settimana c’è una presenza piuttosto variegata e abbondante di prodotti di stagione di buona qualità, spesso anche locali. Ma oltre a questi “grandi classici” possiamo curiosare tra le pieghe della biodiversità stagionale alla ricerca di qualche sapore più ricercato e meno banale. Bruscandoli, s-ciopeti, rosoline, tarassaco, barbe … le erbette e i germogli di primavera fanno bella mostra della loro freschezza sui banchi dei fruttivendoli e, per chi le sa vedere, anche in campagna. Molte di esse spuntano infatti spontaneamente  in quegli angoli di verde dove la Natura può ancora manifestarsi liberamente senza l’intervento domatore dell’uomo: come le siepi lungo i fossi, nei giardini,dove si possono trovare i bruscandoli; i prati lasciati a erba, dove si raccolgono tarassaco e s-ciopeti; i campi incolti in attesa di essere lavorati, dove crescono rigogliose le rosoline. Altre…

View original post 57 altre parole

Come salvare le piante dall’afa

Creando Idee

Che abbiate un giardino o un semplice balcone, che possediate o meno il pollice verde, ecco qualche suggerimento per prolungare la vita delle vostre piante e dei vostri  fiori bagnare solo lo strato superficiale di terra, quando inizia a fare caldo, non è sufficiente. L’acqua tenderà ad evaporare prima di raggiungere le radici, sepolte in fondo al vaso. Per avere la certezza che l’intera pianta sia stata irrigata, continuate a innaffiare finché non vedete l’acqua scorrere dai fori del suo recipiente. Ogni tanto, concedete alle vostre piante una doccia completa nella vasca del bagno, avendo cura di regolare la potenza del getto. In questo modo anche le foglie riceveranno la giusta dose di umidità e diventeranno più verdi e brillanti. Foglie secche, pezzetti di corteccia e altri residui vegetali, se appoggiati sullo strato superiore di terra bagnata, aiuteranno a trattenere l’umidità nel vaso mantenendo bagnate le radici. Un sacchetto di corteccia…

View original post 134 altre parole

La zucca Hokkaido, o zucca Uchiki Kuri | da Coltivare l’orto

Questa zucca si adatta a ogni tipo di terreno anche se preferisce quello sciolto; può essere coltivata in ogni zona d’Italia perché si adatta benissimo ad ogni clima.La zucca Hokkaido o Potimarron è una zucca eccellente di prima qualita. E’ un tipo di zucca rampicante. I frutti sono di dimensioni comode per il consumo, infatti, raggiungono un peso che può variare dagli 800 ai 1500 grammi. Di questa zucca si consuma anche la scorza, che è tenera e cuoce come la polpa

se possibile la pianta gradisce arrampicarsi. Le sue ramificazioni raggiungono i 4 metri. Ogni pianta produce con profitto circa cinque zucche che maturano in 90 giorni circa

tutta la scheda qui:

Sorgente: La zucca Hokkaido, o zucca Uchiki Kuri | Coltivare l’orto

I fiori dell’orto, in BalconeFiorito di Savino Diliddo

BalconeFiorito

Ora comincia la parte bella della coltivazione degli ortaggi sul balcone. I colori possono sembrare monotematici, ma tutto questo giallo mi sta dando soddisfazioni. I primi a fiorire sono stati i cetrioli, poi è toccato alle zucchine e per ultimi i pomodori. La parte difficile è far capire agli insetti pronubi che qui c’è tanto lavoro da fare per loro. Zucchine e cetrioli infatti, senza l’intervento degli insetti impollinatori, difficilmente riusciranno a produrre i loro frutti che cadrebbero senza essere fecondati. Il 2016 mi sono attrezzato con un pennellino e tutte le mattine mi dedicavo ad impollinare i fiori femminili. Solo così sono riuscito a mangiare le zucchine del mio balcone. Quest’anno ci riprovo!
Oltre al colore giallo degli ortaggi, finalmente anche il gelsomino ha prodotto i primi fiori profumati che rendono tutto ancora più piacevole.
Savino Diliddo

zucchina impollinazioneWhatsApp Image 2017-05-05 at 19.31.27WhatsApp Image 2017-05-05 at 19.31.27 (1)WhatsApp Image 2017-05-05 at 19.31.28

View original post