LA STRADA REGINA DA MENAGGIO A SORICO, da ICOM_146. ICOMOGRAFIE: PERCORSI.

ICOM_146. ICOMOGRAFIE: PERCORSI. LA STRADA REGINA DA MENAGGIO A SORICO

Uscendo da Menaggio verso nord, la Strada Regina incontra Nobiallo, antico nucleo dove si riconoscono ancora interessanti elementi antichi. Lo sperone roccioso del Sasso Rancio si supera oggi con una galleria.
La Gaeta è una scenografica villa neomedioevale che sorge su un promontorio, cui segue poi un ampio pianoro. Si raggiunge poi il comune di San Siro, costituito con la riunificazione di … http://www.jsc15.it/terre/icom-icomografie/2839-icom-146-icomografie-percorsi-la-strada-regina-da-menaggio-a-sorico

il SENTEE DI SORT che collega la parte alta di MOLTRASIO e raggiunge Rovenna, sopra CERNOBBIO, dal sito di Comune di Moltrasio

Per poter percorrere il Sentee di Sort bisogna prima di tutto raggiungere la frazione di Casarico (che si trova nella parte più alta del paese). A lato della piccola Cappellina troverete le indicazioni per proseguire sul sentiero. Durante il percorso potrete ammirare le Cave del Niasc di pietra moltrasina e una vecchia cascina chiamata Boc de la Tugna, all’interno della quale si trova una grotta naturale. In prossimità delle cave è presente una piccola area di sosta dove potersi fermare ad ammirare il panorama.
Da qui, camminando per circa 45 min. è possibile raggiungere Rovenna (frazione di Cernobbio).

Sorgente: Comune di Moltrasio

altra documentazione sul “Sentee di Sort”

https://www.google.it/search?q=%22Sentee+di+Sort%22&rlz=1C1KAFB_enIT581IT582&oq=%22Sentee+di+Sort%22&aqs=chrome..69i57j0.1561j0j4&sourceid=chrome&ie=UTF-8

Dal centro storico di Palanzo alla Chiesa del Soldo sul percorso della storica Via Crucis: nelle strade del paese e ad alcune “stazioni” Basilio Luoni racconterà, nel dialetto lezzenese, la “sua” Via Crucis, 9 aprile 2017

Itinerari culturali

Teatro Montano
Frammenti di una Via Crucis

Palanzo | 9 Aprile 2017, al tramonto
Domenica delle Palme | ore 17.00-19.30

Testi di Basilio Luoni
Canti tradizionali della Passione, Corale Bilacus di Bellagio diretta da IsidoroTaccagni

Dal centro storico di Palanzo alla Chiesa del Soldo sul percorso della storica Via Crucis: nelle strade del paese e ad alcune “stazioni” Basilio Luoni racconterà, nel dialetto lezzenese, la “sua” Via Crucis, immaginando di aver raccolto le testimonianze dei testimoni che secoli di tradizioni hanno fissato in figure popolari nell’iconografia, nella narrativa e nella musica.
I brani recitati saranno accompagnati dalla Corale Bilacus che eseguirà canti dialettali sulla Passione di diverse regioni italiane con voci maschili a cappella. Lo Stabat Mater sarà invece eseguito da due voci femminili.

Il percorso si snoderà a partire dal borgo antico, lungo il comodo sentiero che conduce alla Madonna del Soldo (circa 1km, modesto dislivello)
Sul posto i partecipanti riceveranno una radioguida, che consentirà un chiaro ascolto del recitativo. Sarà loro consegnato anche un libretto con le liriche in Lezzenese e relativa traduzione, e con i testi delle canzoni corredate di alcune note esplicative.

Ampio parcheggio presso il campo sportivo di fianco alla scuola elementare, a 300 mt. (in salita) dalla Chiesa parrocchiale.

Programma (scaricabile a questo link)
ore  17.00  Ritrovo sul sagrato della Chiesa parrocchiale | Registrazione e ritiro della radioguide | Piccola merenda offerta e possibilità di visita del borgo in autonomia
ore  18.00 Inizio del percorso di Via Crucis dalla piazza antistante l’antico Torchio cinquecentesco
ore  19.30 Arrivo alla Madonna del Soldo, ultima stazione della Via Crucis
ore  20.00 Per chi l’avrà prenotata, cena rustica in piazza ( affettati, risotto alla pancetta e rosmarino, piccola zuppa di cipolle, formaggi, torta di pane, acqua, vino e caffè – € 15.00 )

L’iniziativa potrà avere luogo in assenza di pioggia. In caso di annullamento i partecipanti saranno informati entro venerdì 7 Aprile tramite e-mail.

Sorgente: Teatro Montano. Frammenti di una Via Crucis

ITINERARI MEDIEVALI sul Lago di Como, a cura di Iubilantes

medioevo-larianou4068medioevo-larianou4069medioevo-larianou4070

Per il Canturino manca qualcosa che, a dire il vero, è quasi sempre ignorato da tutte le pubblicazioni simili a questa: i complessi cluniacensi di Cantù (Monastero di Santa Maria) e di Vertemate (abbazia di San Giovanni). Eppure la presenza dell’Ordo cluniacensis ha profondamente segnato non solo la storia religiosa ma anche quella economica del Medioevo nel canturino

ENZO MARELLI

medioevo-larianou4071

Brunate – Piazzaga, RISVEGLIO DI PRIMAVERA, Passeggiata poetica con musica tra monti e laghi, Ideazione di Mario Bianchi Accompagnamento musicale di Andrea Pizzamiglio, domenica 3 maggio 2015, a cura della Associazione Territori

Domenica 3 maggio 2015

Brunate – Piazzaga

RISVEGLIO DI PRIMAVERA

Passeggiata poetica con musica tra monti e laghi

Ideazione Mario Bianchi

Accompagnamento musicale  Andrea Pizzamiglio

Per informazioni: Territori@hotmail.it

da Prossimi Eventi

2015-04-15_235349 2015-04-15_235403

I CAMMINI DELLA REGINA percorsi transfrontalieri legati alla Via Regina

Grazie alla sinergia di competenze di esperti di itinerari culturali, amministrazioni, progettisti del paesaggio, ingegneri geomatici, architetti e designer, si propone di offrire alle comunità locali strumenti per riscoprire le potenzialità culturali e turistiche del territorio coniugando tradizione storica e innovazione tecnologica.

I CAMMINI DELLA REGINA

Sala Nobile di Palazzo Natta, via Natta 14/16, ore 17, ingresso libero

Presentazione del progetto europeo sui percorsi transfrontalieri legati alla via Regina, nell’ambito del programma di cooperazione territoriale Italia – Svizzera. La via Regina Lariana, itinerario pedonale da Como a Sorico, è uno dei più antichi percorsi di scambio storico e culturale tra Italia e Svizzera. Il progetto I cammini della Regina ha l’obiettivo di salvaguardare, valorizzare e promuovere il tracciato transfrontaliero di mobilità dolce e di rafforzare l’identità comune dei “cammini” e dei territori che attraversa. Grazie alla sinergia di competenze di esperti di itinerari culturali, amministrazioni, progettisti del paesaggio, ingegneri geomatici, architetti e designer, si propone di offrire alle comunità locali strumenti per riscoprire le potenzialità culturali e turistiche del territorio coniugando tradizione storica e innovazione tecnologica. Il progetto intende inoltre ricollegare questo sistema di percorsi pedo nali con le vie di transito dei grandi itinerari europei, permettendo ai camminatori – locali e stranieri – di percorrere i sentieri in sicurezza e in piena fruizione estetica e immersiva della natura e dei paesaggi.

Il progetto intende inoltre ricollegare questo sistema di percorsi pedonali con le vie di transito dei grandi itinerari europei, permettendo ai camminatori – locali e stranieri – di percorrere i sentieri in sicurezza e in piena fruizione estetica ed immersivadella natura e dei paesaggi.
Il Programma:
17.00 – 17.10 Saluto dell’Autorità di Gestione
Paola Ferrario, Regione Lombardia
17.10 – 17.30 Valorizzazione del territorio, turismo dolce e tecnologia: introduzione al
progetto
Maria Antonia Brovelli, Polo Territoriale di Como del Politecnico di
Milano – capofila Progetto Italia
Massimiliano Cannata, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera
Italiana – capofila Progetto Svizzera
17.30 – 18.00 Motivazioni storiche e territoriali:
Massimo Colombo, Ufficio Beni Culturali Canton Ticino
Ambra Garancini, Associazione Iubilantes
Stefano Della Torre, Politecnico di Milano
Immagine

Sulle tracce dell’Antica Via Regina – Argegno – Pigra – Ossuccio, Domenica 16 settembre

Domenica 16 settembre

Argegno – Pigra – Ossuccio

Sulle tracce dell’Antica Via Regina

Splendida escursione con panorami mozzafiato sullisola comacina accessibili anche ai più pigri grazie alla funivia che collega Argegno aPigra.

Lescursione terminerà con una visita alla chiesa di San Giacomo di Spurano e allo Xenodochio della Maddalena, splendido esempio di quella architettura romanica essenziale, pratica e a misura duomo che caratterizza il nostro territorio.

E’ richiesta l’iscrizione all’ Associazione (10 euro).

Associazione Culturale Territori-Natura Arte Cultura

Via Raschi 9

Moltrasio (Como)

 

www.associazioneterritori.wordpress.com

Territori@hotmail.it

 

Lago di Como: le passeggiate di passolento (ora: blog-helis.blogspot.it) nel territorio delLago di Como

Il sito di  passolento si è trasferito qui:

http://blog-helis.blogspot.it/

altre guide segnalano passeggiate nel territorio delLago di Como

per esempio: http://digilander.libero.it/felice/Itinerari.htm

 

le passeggiate di passolento (>> leggere le avvertenze)  

primavera vien danzando..


NOVITA’ INDICE DELLA GUIDA
è uscita la guida:
Per sentieri
con passolento.it

Formato 15 x 23
4 colori, 146 pag.

Acquistabile online sul sito:
ilmiolibro.it

e nelle librerie:
 MONTI in CITTA’,
Via Monte Nero 15 (MI)
 L’INCONTRO
Via Piana 45 (zona Certosa/Portello)
 HOEPLI
Via Hoepli 5 (MI)
 IL MIO LIBRO
Via Sannio 18 (MI-zona P.ta Romana)
 FELTRINELLI

Programma escursioni 2012:

link utili

cerca le MAPPE delle località:
http://maps.google.it/maps

Info su trasporti pubblici:
www.trasporti.regione.lombardia.it
(trasporti in Lombardia)

vai ai siti cercarifugi:
www.rifugi-bivacchi.com

www.rifugi.lombardia.it
www.diska.it/rifugi

le proposte dei lettori 
(vedi avvertenza 3)

• Lenno-Mezzegra-Viano-Tremezzo
• Engadina: Sils – Wasserweg (6 laghetti)
nel mondo delle Grigne:
• dai Piani Resinelli al Rifugio Rosalba
• da Cainallo al Rif. Brioschi (Grignone)
• Orobie: weekend in Valbondione
• ciaspolata all’Alpe Granda
• Valle dei Ratti


volontariato a Milano:
italiano per stranieri
bosco in città

  Lago di Como
• Torno-Piazzaga-Monte Piatto
• Como – Brunate – Faggeto Lario
• Cernobbio – rifugio Bugone
• Moltrasio-Tosnacco – rifugio Bugone
• Moltrasio – Monti di Urio
• Brienno – Pian d’Erba
• San Lucio (tra Menaggio e Porlezza)
 Val Perlana-rifugio Boffalora 
• Ossuccio – Abbazia di San Benedetto (Val Perlana)
• Tremezzo – Monti di Nava
• Val Darengo (alto lago Como)
• Val d’Intelvi: Monte Comana – Sasso Gordona
• Canzo-Corni di Canzo (Sentiero degli spaccasassi)
 Canzo – Monte Rai – terza Alpe
• Valmadrera-rifugio SEV (Corni di Canzo)
• Civate (Lecco) – Abbazia di San Pietro al Monte
• Valmadrera – San Tomaso

• Sentiero del viandante: Lierna – Varenna
• Abbadia Lariana -cascata della Val Monastero-Campelli 
• Dervio – Cascine Pratolungo
 ( new)da: http://www.passolento.it/

passolento: trek, passeggiate, escursioni in Lombardia, Liguria, Val d’Aosta, ….

Strade e sentieri nei paesi sulle rive del Lario, Tratto da LAGO DI COMO, LARIO: sogni e storie d’acqua, Cattaneo editore 2006/2009, pagg. 46, 47

La struttura urbanistica delle frazioni dei paesi del lago di Como si è andata formando attraverso schemi fissi, dipendenti dalla geografia dei luoghi.

Gli inizi di insediamento erano possibili solo dove c’era uno spazio (anche minimo) fra lago e monti. Ciò si verificava allo sbocco dei torrenti, sui piccoli coni detritici, quasi sempre preceduti da gole più o meno “orride”: Nesso, Argegno, Menaggio, Bellano, Dervio … Una volta trovato il luogo, il borgo poteva strutturarsi.

A lago c’era il quartiere dei pescatori e dei barcaioli, con il porticciolo e le rive, dove stendere le reti, i portici sotto cui depositare le merci.

Dal porto venivano create una serie di viuzze che risalivano verso il paese vero e proprio, con la chiesa, talvolta il palazzo-castello del signore locale, le case dei commercianti.

Più sopra, la strada / mulattiera di comunicazione orizzontale con i paesi vicini, lungo la quale si trovavano osterie, locande o crotti.

Infine, altre mulattiere verticali collegavano il centro principale ai monti, lungo i versanti delle montagne, che erano abitati per periodi più o meno lunghi a seconda delle necessità.

Di solito sui primi versanti sopra i paesi venivano coltivati l’ulivo e la vite, gli orti, e i campicelli per le esigenze alimentari..

Salendo ancora cominciavano i boschi (di castagno soprattutto) che fornivano prodotti per la sopravvivenza alimentare: castagne per la farina, legname da costruzione, foglie per le lettiere degli animali, ricci e legna per il camino.

Sopra il bosco c’erano i prati ed infine i pascoli per l’allevamento delle mucche, buoi e capre.

Tratto da LAGO DI COMO, LARIO: sogni e storie d’acqua, Cattaneo editore 2006/2009, pagg. 46, 47

 

Mappa tratta da Albano Marcarini LA STRADA REGIA a piedi da Como a Bellagio, Lyasis edizioni, Sondrio 2007

l’editore comasco Alessandro Dominioni, ha aggiunto al suo catalogo una guida precisa e aggiornatissima: «50 baite e rifugi del lago di Como», testati uno per uno dall’autore, Gio Lodovico Baglioni

Sono almeno una cinquantina i rifugi che offrono accoglienza attorno al Lago di Como, tra Lario Occidentale, Orientale e Triangolo Lariano. Buona parte di questi, sono aperti tutti i giorni nella stagione estiva, fanno accoglienza sia per il pernottamento che per la ristorazione, oltre al servizio bar per chi – con frequenza sempre maggiore – porta da casa vivande e panini. Non il beveraggio, che negli zaini pesa e si scalda, e nemmeno il caffè, buono bollente e appena fatto. Anche i rifugi, come ogni settore, stanno patendo il contraccolpo della contrazione economica, soprattutto sui pernottamenti, ma a fronte di una media di trenta o quaranta euro a notte, la dimensione turistica in quota rimane una delle più accessibili anche per le famiglie, costrette a moltiplicare ogni spesa per tre o quattro.

Lungimirante, nel captare questa tendenza, è stato l’editore comasco Alessandro Dominioni, che all’inizio della stagione ha aggiunto al suo catalogo una guida precisa e aggiornatissima: «50 baite e rifugi del lago di Como», testati uno per uno dall’autore, Gio Lodovico Baglioni. Un lavoro che, da un lato fa fronte con un prodotto aggiornato alla richiesta di informazioni di chi si vuole muovere in questa direzione, dall’altro recepisce una tendenza reale, rivolgendosi ai turisti ma soprattutto a chi risiede già sul territorio, ma ha bisogno di punti di riferimento per capire dove e come muoversi.

Si scopre così che la maggior parte dei percorsi che portano verso i rifugi, sono accessibili a tutti i livelli, dai bambini fino agli escursionisti meno esperti, con camminate medie che partone dall’ora e mezza. Una condizione che attira anche i meno avvezzi alle attività fisiche, ma che ripaga con la moneta di un ambiente naturale e di paesaggi che valgono il viaggio.

DA Sos crisi, sulle sponde del Lario è l’estate delle gite in giornata – Il Giorno – Como.

dalla consapevolezza di vivere in un territorio dove il paesaggio del lago ma soprattutto della montagna nel Lago è di stupefacente bellezza nasce il Programma Tracce 2012 | a cura di TERRITORI Natura Arte Cultura

TRACCE 2012

Cultura Conviviale

15 giugno/22 Settembre 2012

 

La rassegna “Tracce” nasce innanzitutto dalla consapevolezza di vivere in un territorio dove il paesaggio del lago ma soprattutto della montagna nel Lago è di stupefacente bellezza. In questo paesaggio esistono, accanto a ville e grandi alberghi, piccole realtà turistiche imprenditoriali e di ritrovo che vogliono offrire occasioni di svago, di serenità e di cultura. Siamo convinti di proporre un programma di buon livello che valorizza la nostra montagna con incontri in cui si alternano musica, conversazioni, meditazioni, spettacoli, cori, filosofia, letteratura e altro. Vorremmo farvi conoscere i posti e i personaggi che affascinano anche noi.
Programma completo:
http://associazioneterritori.wordpress.com/programma-tracce-2012/

I Luoghi

Como Cascina Respaù

Cernobbio Rifugio Bisbino

Moltrasio Grand Hotel Imperiale

Moltrasio Cooperativa Moltrasina

Carate Urio Santuario di Pobiano

Cerano Intelvi Rifugio Prabello

Argegno Agriturismo I Due Leoni

Colonno Rifugio Alpe di Colonno

Albavilla Capanna Mara

vai al Programma completo qui: Programma Tracce 2012 |.

Il Cammino della Via Regina

Il Cammino della Via Regina
Domenica 6 maggio

A cura di Iubilantes, con la partecipazione del CIREN e con la collaborazione degli Enti locali, l’esperienza della Università IUAV “applicata” al cammino storico più importante del Lario, quello della Via Regina.

Una splendida “tre giorni” a piedi sulla sponda occidentale del Lario da Ponte del Passo fino alla Tremezzina, nel contesto di uno dei paesaggi più celebri e belli del mondo, con utenti italiani e con un gruppo di studenti stranieri del Politecnico di Milano, Polo Territoriale di Como, alla prova sui nostri sentieri e attratti dal fascino della scoperta lenta del territorio. Nella convinzione che sia fondamentale, per lo sviluppo dei cammini, la partecipazione attiva e itinerante degli studenti di tutto il mondo.

Manifestazione nell’ambito della 4a Giornata Nazionale dei cammini Francigeni

Paesi ed attrattive del lago di Como





 Strada Regia 2 


 Strada Regia 3 


 Strada Regia 4 


 Ville del Lario 


 Cernobbio 


 Concorso V.d’E. 


 Cernobbio GdV 


 Laglio 


 Brienno 


 Colonno 


 Gravedona 


 Alto lago 

 Abbazia Piona 


 Corenno 


 Castello Vezio 


 Bellagio 


 Lezzeno 


 Nesso 


 Faggeto Lario 


 Torno 


 Antiche stampe 


   A. Stampe 2   


   A. Stampe 3   

Paesi ed attrattive del lago di Como.