la “grande Como” è tutta nelle CONNESSIONI: treni, funicolare, battelli, corriere, camminate …, 29 marzo 2018

la “grande Como” è tutta nelle CONNESSIONI. In un’ora di treno (ma ci sono anche corse da 36 minuti) si arriva da Milano. Si cammina per la città murata, si va a Villa Geno, a Villa Olmo. In un quarto d’ora si va a Brunate. Si prende il battello: e Cernobbio, Moltrasio, Torno (e in estate  Careno e  Nesso) sono […]

Read More →

ANTONIO SPALLINO (1925 – 2017), il sindaco e cittadino di Como che ha lasciato traccia

ADDII. ANTONIO SPALLINO POLITICO DI “PUNTA” Pubblicato Venerdì, 29 Settembre 2017 15:30 | Scritto da Gerardo Monizza |  |  | Visite: 250  ANTONIO SPALLINO: AVVOCATO, POLITICO, SINDACO. SPORTIVO E UOMO DI CULTURA È MORTO A 92 ANNI Un mito. Una di quelle persone che ancora in vita sanno fissarsi in uno spazio e in una posizione riconosciuta da tutti: amici e nemici. Antonio Spallino, Nino per gli amici, è campione […]

Read More →

Settefrazioni Blevio – Lago di Como

il bello STILE NELLA AMMINISTRAZIONE LOCALE: Settefrazioni Blevio Abbiamo sempre inteso il nostro impegno nell’amministrazione come un servizio di volontariato per il paese. Ci troviamo oggi a rappresentare in Consiglio Comunale i cittadini che ci hanno eletto e a sostenere le idee, i bisogni, i valori della nostra comunità nel rispetto del territorio che ci ospita. Il nostro ruolo è di stimolo costruttivo agli amministratori e di vigilanza sulla loro attività. La comunicazione ed il dialogo coi cittadini è uno dei nostri obbiettivi primari. Questo sito è nato come strumento di lavoro, comunicazione e dialogo. Lavoro:  su questo sito si confrontano i sostenitori attivi della Lista per Settefrazioni, elaborando i contenuti delle campagne elettorali 2009 e 2014 e approfondendo alcuni temi importanti per il paese. Comunicazione: attraverso questo sito intendiamo comunicare ai Bleviani quello che pensiamo, come intepretiamo la vita in paese nei suoi aspetti di convivenza civile  e come intenderemmo procedere nell’ambito dell’amministrazione una volta eletti. Informare significa evitare la confusione e l’equivoco, rispettare la gerarchia di importanza delle notizie, evitare il pettegolezzo e la calunnia. Dall’altra parte informarsi significa ascoltare e partecipare, impegnarsi a capire. Ci stiamo impegnando su questo fronte, evitando inutili quanto pretestuosi conflitti ed è nostro intento progredire nella qualità di questo servizio, dato che molta strada si può ancora fare. Dialogo: per quanto possibile stiamo cercando di accogliere anche il parere di chi non la pensa come noi per capire le ragioni di scelte che non condividiamo, per […]

Read More →

Tangenti, arrestato Mario Mantovani (di forza la LORO Italia, vicepresidente della Regione Lombardia e assessore alla sanità), Milano 13 ottobre 2015

Originally posted on MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI:
sto pensando che costui era/è l’assessore alla sanità della regione lombardia: :Arrestato il vicepresidente della Regione Mario ‪#‎Mantovani‬. Indagato anche l’assessore all’Economia della Regione Lombardia Massimo Garavaglia, ex parlamentare della‪#‎Lega‬.http://www.milanotoday.it/po…/mario-mantovani-arrestato.html fin quando la magistratura fa il suo lavoro, vuol dire che LE ISTITUZIONI FUNZIONANO MARIO MANTOVANI E’ accusato di concussione, corruzione e turbativa Sorgente: Tangenti, Mario Mantovani arrestato: di Forza Italia, vicepresidente della Lombardia altri link informativi: Circa 3.240 risultati (0,44 secondi) Risultati di ricerca Tangenti: arrestato Mario Mantovani (Fi), vice presidente della … MilanoToday–1 ora fa Mario Mantovani, vice presidente della regione Lombardia ed ex assessore alla sanità, è stato arrestato con l’accusa di concussione, … Mario Mantovani arrestato. Il vicepresidente della Lombardia è … L’Huffington Post–1 ora fa Tangenti: arrestato Mantovani, vicepresidente Lombardia. Era atteso … Editoriali–Rai News–1 ora fa Tangenti, terremoto in Regione: arrestato Mantovani, il numero due … Approfondimenti–La Repubblica–17 minuti fa Concussione, in manette vicepresidente Regione Lombardia … Editoriali–Adnkronos–1 ora fa Tangenti nella sanità, arrestato il numero due del Pirellone Mario … Approfondimenti–L’Espresso–20 minuti fa La Repubblica L’Huffington Post Il Giorno L’Espresso Varese News Rai News Approfondisci (Altri 93 articoli) Arrestato Mario Mantovani Legnanonews–1 ora fa Arrestato questa mattina, martedì 13 ottobre, l’assessore regionale lombardo Mario Mantovani. L’accusa è di abuso d’ufficio, turbativa d’asta, corruzione e … Tangenti. Arrestato il vicepresidente della Lombardia, Mario … Articolotre–1 ora fa mario mantovani –Redazione– E’ stato arrestato questa mattina, per…

Read More →

politica comasca, ieri come oggi: La storia di Como dalla metà del sec. XIII alla metà del XV è un continuo susseguirsi di tentativi di sopraffarsi vicendevolmente dei Vittani e dei Rusca, da “Enciclopedia Italiana” – Treccani

La storia di Como dalla metà del sec. XIII alla metà del XV è un continuo susseguirsi di tentativi di sopraffarsi vicendevolmente dei Vittani e dei Rusca. … Seguire le vicende della fazione sarebbe riassumere la storia di Como sino alla metà del sec. XV; ad ogni passo si incontrano lotte sanguinose, e poi paci, tra Vittani e Rusconi, giungendo sino ad aversi podestà speciali della parte Vitana e della Ruscona; capi della prima sono gli Avvocati, i Lavizzari, i Castelli, i Lucini e specialmente i Lambertenghi, che nel 1291 hanno tale preponderanza che la fazione stessa assume il nome di Lambertenga; ma poco dopo la fazione guelfa torna a dirsi Vitana. I Vittani ebbero parte noteyolissima anche nella Valtellina, la cui storia, come quella di Como, è tutta piena di lotte tra Vittani e Rusconi. Soffocati i partiti in Como, la fazione Vitana continua un’azione vivacissima nel Ticino, come rappresentante del partito guelfo, e appoggiando più o meno apertamente le gesta dei Sanseverino; si arriva al punto, che nel 1436 si parla persino di una lega dei Vittani con Francia, Savoia e Veneziani, cosa certo senza fondamento; gli ultimi guizzi si hanno con la caduta del Ticino sotto il dominio degli Svizzeri. da VITTANI in “Enciclopedia Italiana” – Treccani.

Read More →

COMUNICARE e RACCONTARE: relazioni digitali, Corso organizzato dal Partito Democratico di Como, al giovedì, dal 30 aprile al 18 giugno 2015

Sei tappe, sei momenti operativi per comprendere i meccanismi della comunicazione e le relazioni tra politica, giornalismo e alcuni settori chiave del territorio comasco. È questa la struttura del nuovo corso di formazione organizzato dal Partito Democratico della Città di Como, con inizio giovedì 30 aprile, e rivolto a politici e ad amministratori locali, così come a professionisti o a semplici interessati alla […]

Read More →

l’etica pubblica del poliziotto trasferito perché minacciato da suoi anonimi colleghi: «Rifarei tutto» – Cronaca Como, 8 aprile 2015

Ispettore oggetto di minacce dopo aver indagato sui colleghi coinvolti nello scandalo sulla cancellazione delle multe «Grazie a coloro che condividono il lavoro svolto dalla Squadra di Polizia Giudiziaria della Polstrada di Como che ho avuto l’onore di comandare per diversi anni. Credo fermamente nella giustizia e nella Magistratura che mi ha assegnato questa indagine così delicata e non facile. Sarei pronto a rifare tutto e certamente non sono le minacce a fermare il nostro onesto lavoro. Un ringraziamento particolare va alla mia famiglia che mi sostiene da sempre e che ora deve pagare anche il prezzo del mio trasferimento». da Il poliziotto trasferito perché minacciato: «Rifarei tutto» – Cronaca Como.

Read More →

il Partito Democratico lombardo ha indetto per domenica 1 marzo 2015 una consultazione a livello regionale degli iscritti ed elettori del PD in tema di autonomie (contiene anche l’elenco dei seggi per la zona di Como)

Originally posted on MAPPE nelle POLITICHE SOCIALI e nei SERVIZI:
Agli Iscritti Ai Simpatizzanti del Partito Democratico ? Loro Sedi ? Carissima/o,                                                                            …

Read More →

Patteggia il legaiolo ex candidato sindaco di Mariano Comense: 40mila euro, soldi che Pozzi avrebbe sottratto durante gli anni in cui è stato il tutore della donna, 19 dicembre 2014

il legaiolo che rubava: Secondo il giudice merita una pena (sospesa) di un anno e dieci mesi di reclusione quella che il numero uno del Carroccio Matteo Salvini aveva liquidato come una «denigrazione mediatica». L’ex candidato a primo cittadino per la Lega a Mariano Comense, Cesare Pozzi (difeso dall’avvocato Ferruccio Felice) ieri mattina ha patteggiato in udienza preliminare l’accusa di peculato mossa a suo carico dalla Procura. Patteggiamento sul quale il pubblico ministero Massimo Astori – titolare dell’inchiesta – ha dato il parere favorevole, ma a due condizioni: la restituzione dei soldi di cui l’ex assessore era accusato di essersi appropriato e l’affidamento in prova ai servizi sociali, per certi versi quasi una beffa per chi ha ricoperto la carica di assessore proprio ai servizi sociali. La vicenda riguarda il destino di 40mila euro, soldi che Pozzi avrebbe sottratto durante gli anni in cui è stato il tutore della donna da Mariano, via i soldi dell’anziana Patteggia l’ex candidato sindaco – Cronaca italia.

Read More →

Regione Lombardia: vitalizi (rendite di posizione) di ex consiglieri regionali – raccolta di tracce storiche e documentali

“Si vitam inspicias hominum, si denique mores, cum culpam alios, nemo sine crimine vivit”: Guardali, gli uomini, come vivono, mentre biasimano gli altri: nessuno è senza colpa. Catone, Distici nella traduzione di Giancarlo Pontiggia, editore Medusa 2005, p. 19 …. Emilio Russo, del Pd, riceve invece dalle casse del Pirellone 44.238 euro e 96 centesimi, ovvero 3.700 euro scarsi ogni mese Gianstefano Buzzi, ex esponente del Partito Comunista, sono invece bastati cinque anni in consiglio regionale per garantirsi un vitalizio di 37.919 euro (sempre al lordo delle tasse). Renato Tacconi, socialista rimasto per ben 19 anni nel consiglio regionale a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, incassa un vitalizio di 47.829 euro lordi all’anno Giuseppe Guzzetti è stato in Regione 17 anni nelle liste della Democrazia Cristiana, come consigliere prima e come presidente dal 1979 al 1987 e oggi può contare su un vitalizio di 57.935 e 4 centesimi lordi. Ritornando a sinistra , Ettore Adalberto Albertoni, leghista, ex assessore, 22.751 euro all’anno per cinque anni in consiglio regionale. VAI ALL’INTERO ARTICOLO: Ex politici della Regione, tremila euro al mese per cinque anni di lavoro – Cronaca Como. vai alla lista di coloro che ricevono i vitalizi: http://www.slideshare.net/ilfattoquotidiano/vitalizi-lomabardia-2013?redirected_from=save_on_embed altre tracce documentali: Complessivamente in tutta la Regione Lombardia sono 203 gli ex consiglieri regionali che hanno già maturato la pensione. Ogni anno i contribuenti lombardi spendono 8 milioni di euro. Il record della pensione più alta va a Bergamo e […]

Read More →

Como (nel profondo nord dei LEGAIOLI): Gli imprenditori locali che chiedevano alla ’ndrangheta – Cronaca Cermenate

«A noi non ci mancano né i modi, né cuore, né maniere». Potrebbe essere lo slogan pubblicitario di un’agenzia di recupero crediti e, forse, lo è. Un’agenzia chiamata ’ndrangheta, alla quale imprenditori e artigiani comaschi si rivolgono quando un debitore non paga, ma anche quando, vittime di minacce o furti, preferiscono rivolgersi all’amico malavitoso piuttosto che ai carabinieri. Due di questi imprenditori, uno con con domicilio a Solbiate, l’altro di Olgiate Comasco, sono finiti agli arresti domiciliari per i loro rapporti con i presunti boss delle locali di Fino Mornasco e Cermenate. Altri non sono neppure indagati, pur protagonisti di un capitolo non secondario degli atti dell’antimafia relativi all’operazione Insubria, che ha portato all’arresto di 40 persone accusate a vario titolo associazione a delinquere di stampo mafioso, detenzione di armi, estorsione. «Figure di imprenditori che entrano in rapporti con la ’ndrangheta» è il capitoletto nel quale il pm della Dda, Paolo Storari, elenca gli episodi scoperti in due anni di inchiesta in cui gli insospettabili si rivolgono a persone di cui conoscono i trascorsi malavitosi. da Gli imprenditori locali che chiedevano alla ’ndrangheta – Cronaca Cermenate.

Read More →

Pensioni d’oro a Como. Un milione all’anno – 2011

Sono 13 gli ex parlamentari lariani che percepiscono una pensione parametrata agli anni spesi a Roma, sponda Montecitorio o Palazzo Madama. Il più ricco dell’elenco è l’ex democristiano Gianfranco Aliverti, che nella capitale rimase 27 anni e che per questo, oggi, percepisce una indennità mensile di 9636 euro lordi. Comasco doc, sindacalista, fu protagonista di cinque legisalture, dalla VII alla XI, definitivamente abbandonando la capitale il 14 aprile del 1994. Fu membro e presidente di diverse commissioni, sottosegretario all’Industria un in governo Andreotti del 1978. Marte Ferrari e Renzo Pigni percepiscono il primo 8828 euro lordi di pensione, per 22 anni di servizio alla Camera dei Deputati, il secondo, per vent’anni, 8455. Ottantadue anni, sindacalista come Aliverti ma originario di Reggio Emilia, Ferrari fu a Roma per cinque mandati, sempre tra le fila del Psi: fu sottosegretario ai Lavori pubblici due volte, prima con Goria, quindi con De Mita, mentre tra il 1989 e il 1991 fu sottosegretario al Bilancio e alla programmazione economica. Pigni è stato invece sindaco di Como, nonché tra i fondatori del Psiup lariano: originario di Fagnano Olona, è stato a Roma per quattro legisalture, ricoprendo anche l’incarico di segretario della persidenza della Camera. Giancarlo Galli, Elia Manara e Gianfranco Tagliabue, con 15 anni di attività parlamentare all’attivo, oggi beneficiano di una pensione di 6590 euro. Galli è tuttora consigliere provinciale, ma la sua è una parabola politica molto eterogenea: fu deputato della Repubblica ma anche […]

Read More →

La Provincia, i legaioli, i rapinesi, subitalioti delle LORO libertà, i peones oppositori (dentro e fuori maggioranza) contro la Giunta Mario Lucini

oggi il quotidiano La Provincia di Como si scaglia (assieme ai legaioli, ai rapinesi, ai subitalioti delle LORO libertà e agli altri peones oppositori da consiglio comunale trasformato in bar) contro la Giunta Mario Lucini. con questo titolo IRPEF, NOTTE DI LITI. POI LA STANGATA (e poi un fondo vagamente minaccioso: tasse su tasse, ora serve una svolta) Visto che non fa informazione, la faccio io: 1 a togliere l’imposizione locale che dava autonomia finanziaria ai comuni è stata la promessa di Berlusconi di togliere l’ICI alle elezioni politiche del 2008. La stangata arriva da lì : ma allora legaili, forzaitalioti, provincioti gioivano 2 dal 2009 lo stato centrale assorbe la stragrande parte della tassazione e trasferisce sempre meno risorse ai bilanci comunali 3 i comuni diventano esattori di tasse , devono trasferire gran parte dei fondi allo stato centrale (soprattutto per la proprietà della casa) e ricevono di ritorno meno di quanto serve a garantire a un livello decente i servizi esistenti 4 i comuni possono agire in autonomia solo sulle tariffe, sui costi per lo smaltimento dei rifiuti (pagare un costo di un servizio non è “tassa”: provate a distinguere fra TIPI di prelievo, ammesso che vogliate fare informazione), e su una minima addizionale irpef 5 la giunta Lucini ha innalzato (per lo zero virgola …) questa addizionale esentando le fasce dei contribuenti a reddito minore IL CRITERIO E’ DEL TUTTO GIUSTO ED EQUO: remunerare i costi pubblici […]

Read More →

PRESENTAZIONE BILANCIO COMUNALE, Venerdì 18 luglio, ore 20.45 Incontro pubblico con il sindaco del Comune di Como Mario Lucini per illustrare le previsioni di bilancio e le scelte di gestione adottate dall’amministrazione comunale

Biblioteca Comunale, piazzetta Venosto Lucati PRESENTAZIONE BILANCIO COMUNALE Venerdì 18 luglio, ore 20.45 Incontro pubblico con il sindaco del Comune di Como Mario Lucini per illustrare le previsioni di bilancio e le scelte di gestione adottate dall’amministrazione comunale

Read More →

L’ex assessore socialista Pasquale De Feudis condannato a due anni e quattro mesi di reclusione

Il tribunale di Napoli ha condannato l’altroieri a due anni e quattro mesi di reclusione l’ex assessore socialista del Comune di Como Pasquale De Feudis, 66 anni, arrestato lo scorso mese di novembre nell’ambito di una indagine concernente la gestione di alcuni appalti per le pulizie delle strutture sanitarie dell’Asl di Caserta. L’ex assessore De Feudis condannato per un appalto – Cronaca Bisceglie La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

Read More →

ex giunta bruni (di CL comunione e LORO liberazione: l’assessore rivelava le tracce di un concorso all’amica: condanna a sei mesi

Como, copiavano al corso dei vigili: condannato l’ex assessore Paolo Gatto Alla fine la scopiazzata alconcorso dei vigili indetto sette anni fa dalla Giunta Bruni è costata una condanna a sei mesi con pena sospesa per Paolo Gatto, che all’epoca ricopriva la carica di assessore al Commercio e secondo l’accusa avrebbe rivelato le tre tracce d’esame per aiutare un’amica, la quale il giorno dopo avrebbe dovuto sostenere la prova Como, copiavano al corso dei vigili: condannato l’ex assessore Paolo Gatto – Il Giorno – Como.

Read More →

elezioni europee del 25 maggio 2014: A Como hanno votato Pd 16.438 elettori

COMO CITTA’ Oltre ogni aspettativa il risultato del Pd di Matteo Renzi nella città capoluogo, dove i democratici superano il 44%. Neppure il Pdl negli anni di maggiore forza ha mai ottenuto un risultato così eclatante. A Como hanno votato Pd 16.438 elettori. Il secondo partito è Forza Italia con il 16% (6.095 elettori). In flessione Grillo con il M5S anche se si conferma terzo partito in città con il 13,5% (5.044 elettori, 2.700 in meno rispetto alle politiche dello scorso anno, quando in termini percentuali ottenne il 17,42). La Lega recupera un punto percentuale rispetto alle politiche ma lascia otto punti percentuali rispetto a cinque anni fa (4.227 comaschi hanno votato Lega). La lista Tsipras (1.655 elettori) fa meglio per soli 5 elettori del Nuovo centro destra di Alfano (1.650 elettori) e di Fratelli d’Italia (1.261 elettori). Fa scalpore proprio il risultato di Fratelli d’Italia che è addirittura sotto la soglia di sbarramento al 4% in città. Sono decisamente lontani i tempi in cui Alleanza Nazionale nel capoluogo superava addirittura il 12% (come avvenuto per le politiche del 2006). PD 44,02% FORZA ITALIA 16,32% M5S 13,5% LEGA NORD 11,32% TSIPRAS920 4,43% NCD 4,41% FRATELLI D’ITALIA 3,37% da  Europee sul Lario: Pd primo Renzi oltre il 40% in 25 comuni Grillo perde il 4%, la Lega tiene – Cronaca Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia Europee sul Lario: Pd primo In città Renzi sopra il […]

Read More →

Parentopoli ai seggi Nominati e figli e nipoti: il record spetta al Pd

… i parenti di esponenti di spicco del Pd balzano subito all’occhio. Nell’elenco il record spetta al capogruppo del Pd, Stefano Legnani: tutti i suoi quattro figli saranno infatti scrutatori (e tre di loro hanno già ricoperto l’incarico, il quarto non era ancora maggiorenne). Ieri, nonostante sia stato ripetutamente contattato, Legnani non ha risposto al telefono. In seconda posizione si piazza il consigliere comunale Vito De Feudis: tra i selezionati ci sono suo figlio e due suoi nipoti Parentopoli ai seggi Nominati e figli e nipoti – Cronaca Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

Read More →

arrestati un ex consigliere comunale di Lecco della Lega Nord e un geometra del Comune di Lecco

Lecco –   Nuovi, clamorosi sviluppi delle inchieste sulla vita politica lecchese. Mercoledì sera gli uomini della Guardia di Finanza di Lecco hanno arrestato altre due persone nell’ambito di un’indagine che segue di pochi giorni lo scandalo “Metastasi” (l’inchiesta che nei giorni scorsi ha portato all’arresto di dieci persone). Gli arrestati sono un ex consigliere comunale di Lecco della Lega Nord e un geometra del Comune di Lecco. Negli ultimi giorni, dopo l’arresto del sindaco di Valmadrera M R e del consigliere comunale E P e di altre otto persone POLITICA NELLA BUFERA LECCO, ALTRI DUE ARRESTI – Cronaca Brivio La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

Read More →

consigliere di minoranza Roberto Salmoiraghi offende la sindaca di Campione d’Italia: …. le sue smanie uterine ….

cervelli (e probabilmente c.) infinitesimi:   Campione d’Italia, 11 aprile 2014 – Una frase sessista e il consiglio comunale di Campione d’Italia è stato sospeso. L’enclave italiana in territorio svizzero ha quindi subito un breve stop dopo che un consigliere di minoranza, l’ex sindaco Roberto Salmoiraghi, ha rivolto una frase molto particolare al sindaco Marita Piccaluga: “La deve smettere di sfogare le sue ambizioni, di sfogare le sue restrizioni, le sue smanie uterine”. Una volta pronunciate queste parole, c’è stata la veemente reazione del pubblico presente in aula, tanto che sono dovuti intervenire i carabinieri. Il sindaco ha cosi’ sospeso la seduta che e’ ripresa appena Salmoiraghi si e’ allontanato. Frase sessista al sindaco donna, sospeso consiglio comunale di Campione d’Italia – Il Giorno – Como.

Read More →