I cigni (dal blog di Luisa Zambrotta)

words and music and stories

20180727_114357

(Colico 28 luglio 2018)

“E’ ora di far scoprire il mondo ai miei piccini,” pensò mamma cigno. Allora decise di portarli verso la spiaggia, che a quell’ora era affollata.
Rassicurò i quattro figlioli, il cui piumaggio era giovane e non ancora candido come il suo, e raggiunse lentamente la riva.
Subito ci fu una ressa attorno a loro e i piccoli si ritrassero impauriti.
“Non dovete aver paura, dovete abituarvi all’uomo, che abita queste coste” disse con tono suadente, cercando di far loro coraggio.
Uno dei cignini chiese;
“Ma perché sono così brutti?
Un altro aggiunse:
“È vero, fanno schifo: non hanno piume, né pelliccia e neppure le squame come i pesci. Sono nudi come i vermi.”
Il terzo incalzò:
“Ma non senti che urla sgraziate emettono? Sputano le più svariate note, e non fanno che riempire il silenzio di suoni terribili”
L’ultimo non fu da meno:
“E…

View original post 75 altre parole

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.