Agave

AGAVE, di Primo Levi, in Ad ora incerta, Garzanti, 1984

Non sono utile né bella,

Non ho colori lieti né profumi;

Le mie radici rodono il cemento,

E le mie foglie, marginate di spine,

Mi fanno guardia, acute come spade.

Sono muta. Parlo solo il mio linguaggio di pianta,

Difficile a capire per te uomo.

E’ un linguaggio desueto,

Esotico, poiché vengo di lontano,

Da un paese crudele

Pieno di vento, veleni e vulcani.

Ho aspettato molti anni prima di esprimere

Questo mio fiore altissimo e disperato,

Brutto, legnoso, rigido, ma teso al cielo.

E’ il nostro modo di gridare che

Morrò domani. Mi hai capito adesso?

DSCN2548 (FILEminimizer)DSCN2549 (FILEminimizer)DSCN2550 (FILEminimizer)DSCN2551 (FILEminimizer)DSCN2552 (FILEminimizer)DSCN2553 (FILEminimizer)DSCN2554 (FILEminimizer)DSCN2555 (FILEminimizer)

0 commenti su “AGAVE, di Primo Levi, in Ad ora incerta, Garzanti, 1984

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: