tramonti

Emily Dickinson, Inosservati s’allungano i monti, le sagome di porpora levate senza sforzo o stanchezza

Inosservati s’allungano i monti –
le sagome di porpora levate
senza sforzo o stanchezza –
senza aiuto né plauso –

Sui loro volti eterni –
nell’oro che dilegua –
in perfetta letizia il sole indugia
cercando compagnia per la sua notte.

Emily Dickinson, scritta nel 1863, tratta da Tutte le poesie, a cura di Marisa Bulgheroni, traduzione di Silvio Raffo

 

2 commenti su “Emily Dickinson, Inosservati s’allungano i monti, le sagome di porpora levate senza sforzo o stanchezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: