meteo e terra

«Nel corso dell’inverno, sul nostro Paese, è caduto il 16% di acqua in più rispetto alla media storica degli inverni del periodo 1971-2000, 14 marzo 2018

«Nel corso dell’inverno, sul nostro Paese, è caduto il 16% di acqua in più rispetto alla media storica degli inverni del periodo 1971-2000. E il dato sale al 20% nel Nord Italia. L’anomalia, a livello nazionale, si deve soprattutto al mese di febbraio, che ha fatto registrare il 56% di precipitazioni in più rispetto alla media storica del mese, nello stesso intervallo di tempo». Bernardo Gozzini, direttore Cnr Lamma: «A gennaio e febbraio scorsi ci sono state abbondanti nevicate, lunghe e consistenti, come non si verificavano da anni, sia sulle Alpi sia sull’Appennino. La neve è un serbatoio importante per incrementare le falde che, nei mesi passati si sono fortemente abbassate. La riserva d’acqua ci dovrebbe consentire di affrontare l’estate con più tranquillità, anche perché le previsioni mostrano una nuova perturbazione in arrivo già venerdì, la stagione si prospetta quindi ancora piovosa» [Arnaldi, Mess].

Categorie:meteo e terra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.