ANIMALI

Due capre, in Marcoaldi Franco, Animali in versi, Einaudi, 2006, p.8

Capra dal muso affilato

e occhi d’ambra;

capra che cambia in poche ore

la fisionomia di un caprifoglio,

in mattinata turgido di gemme

e adesso spoglio. Capra che fai

la guardia a una casa

che non è mai stata abitata:

tu sei sorella inconsapevole

di un totem – un’altra capra

che veglia casa mia, però impagliata.

Il naturale vigila sul vuoto,

solitario; mentre l’uomo sgrana

con l’artificio il suo rosario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.