Gradini

Gradini

lescritteriate

Mi piace contare i gradini che portano alla dimora estiva.

Nel sentiero della mulattiera ne conto settantasei, dolcemente intervallati per concedere respiro al passo. Sono il profumo del caprifoglio dell’estate imminente e il sapore delle more selvatiche dell’autunno incalzante ad accompagnare discese e salite, mentre il conteggio scandisce la distanza percorsa.

Mi piace contare i gradini. So che dal cancello sono nove quelli a immettermi sotto il cupolone delle viti, con i loro grappoli verdi e pesanti di un colore che muta insieme alle giornate più brevi.

E altrettanti gradini, dove talvolta rotolano piccole pigne, mi condurranno ai piedi del cipresso, maestoso, diritto a bucare il cielo e a proteggere pigolanti nidi di cince e pettirossi.

Mi piace contare i gradini. I nove di pietra incastrati fra gli oleandri e le sassifraghe sono meno battuti, ma pure fanno parte delle passeggiate serali, durante il saluto della buona notte ai respiri…

View original post 97 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.