1 risposta »

  1. da una email:
    Ora capisco l’accento di “cui” parlavi poco fa. E’ senz’altro una danza macabra, che rasenta il dubbio non so quanto cosciente verso il domani; quel domani senza aurora che porta verso il nulla, e sopratutto per il quale ancora ci si appresta a non fermarsi dato il suo inevitabile scorrere. Perciò è luogo lontano, “un luogo senza il luogo”, nel quale alberga una speranza vuota di sè. Si potrebbe chiaramente parlare per ore, di una possibile interpretazione dell’opera e del gusto di Davide, ma preferisco godermelo per adesso per quello che apparentemente si mostra: un piacevole e ben costruita opera musicale. LM

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.