ANIMALI Api Uccelli

Il giallo delle tortore. Il professor Celli indaga

Muoiono uccelli. Negli Stati Uniti, in Svezia. E adesso anche in Italia. Pochi giorni fa a Faenza circa ottocento tortore dal collare sono state trovate morte lungo la statale. L’ASL ritiene siano vittima di uno squilibrio ambientale. Ma questo fenomeno non ve ne ricorda un altro? Quello della moria di api di qualche anno fa? Il professore emerito all’Università di Bologna Giorgio Celli ci ha dato il suo punto di vista.

Il fenomeno della moria degli uccelli nel mondo presenta una strana analogia…

Sì, è analogo a quello della moria delle api che dal 2000 in poi aveva colpito tutto il mondo. Le api erano morte in Nord America, erano morte in Europa, erano morte in diverse parti del mondo su terreni diversi con climi diversi. Si concluse allora che doveva trattarsi di un fattore unico e infatti si scoprì che questo fenomeno era dovuto quasi certamente a una sostanza chimica a effetto insetticida che prende il nome di neonicotinoidi.
In che modo veniva usato il neonecotinoide?
Si conciavano le sementi, ovvero venivano trattate prima di essere sparse sui campi perché in questo modo gli insetti che vivono nel suolo non avrebbero fatto quella scorpacciata di questi semi, provocando gravi danni all’agricoltore.  Sembra che per difendere da questi  insetti terricoli si è pensato di seminare semi conciati con questo insetticida. Ora sembra che nel momento in cui si diffondevano questi semi trattati a macchina un certo quantitativo dell’insetticida che li ricopriva entrava nell’ambiente e si diffondeva provocando gravissimi danni. Questo è il fenomeno. Il ministero della sanità e dell’agricoltura hanno sospeso un certo uso di questi neonicotinoidi che era dannoso per le api per due anni e si è vista una netta ripresa delle popolazioni del laborioso insetto. Questa ripresa proverebbe in modo inequivocabile che il fattore di mortalità che era entrato nell’ambiente era appunto questa nuova molecola.
E le tortore? Hanno davvero mangiato troppo?
Queste tortore sono morte in prossimità di una fabbrica che ottiene olio dai semi di girasole e sembra siano immessi in luoghi che gli uccelli possono frequentare e raggiungere per cui in massa vanno a magiare questi semi.  L’ASL sostiene che poteva trattarsi di un eccesso di alimentazione da parte degli uccelli, che avendo mangiato troppo sarebbero morti per indigestione. Questa spiegazione mi sembra abbastanza ridicola, si pensi che questo fenomeno in natura di solito non si verifica. Dicendo questo naturalmente si assolve da ogni colpa sia la fabbrica sia eventuali manipolazioni fatte nei semi, che magari erano manipolazioni di concia e la concia era stata proibita.
Qual è la sua ipotesi?
Bisogna considerare che la concia è stata proibita per alcune molecole di neonicotinoidi ed è possibile che per “bypassare” la legge si sia fatto ricorso a delle nuove molecole di neonecotinoidi non colpite dalla prescrizione di legge. Queste si sarebbero rivelate guarda caso, questa è solo un’ipotesi, particolarmente dannose per gli uccelli. Io suppongo che si tratti di qualcosa di simile. Certamente questa nuova moria dipende da qualche nuova diavoleria immessa nell’ambiente. Questa è la mia convinzione.
Intende fare qualcosa in prima persona?

Ho chiesto agli operatori del WWF di procurarmi dei semi dal gozzo delle tortore morte. Intendo mandarli a qualche laboratorio perché facciano un’analisi di questi semi per vedere che cosa c’è. Potrebbe anche darsi che il prodotto dato ai semi sia così labile che a distanza di tempo non lo si ritrovi più e in questo caso sarebbe uno scacco, nel senso che non potremo più dire nulla, ma per ragioni della sensibilità strumentale. Certo farò un’indagine molto approfondita su molti altri fronti. Cercherò di capire anche quali sono i processi industriali e se questi presuppongono la permanenza di eventuali inquinanti sul seme oppure se nel corso di questo processo questi inquinamenti scompaiono allora non si capirebbero perché queste tortore siano morte. Siamo di fronte a una sorta di giallo che tenteremo di risolvere attraverso l’analisi di questi semi che sembrerebbero essere collegati con la mortalità delle tortore.

da: LifeGate | Il giallo delle tortore. Il professor Celli indaga.

2 commenti su “Il giallo delle tortore. Il professor Celli indaga

  1. Pippo e’ la mia oca ha sedici anni a giugno fa il compleanno e’ la mia compana da quando aveva pochissimi giorni di vita . E’ molto affettuosa e mi risponde sempre

  2. tanti auguri a te e a pippo
    un’oca che è arrivata a 16 anni è molto fortunata e lo deve a te
    grazie per la visita
    un caro saluto
    paolo ferrario di coatesa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: