Bernie Krause, che registra paesaggi sonori, il vento tra gli alberi, il cinguettio degli uccelli, il suono impercettibile delle larve degli insetti, …| da TED.com

Bernie Krause registra paesaggi sonori, il vento tra gli alberi, il cinguettio degli uccelli, il suono impercettibile delle larve degli insetti, da 45 anni. In tutto questo tempo, ha visto molti ambienti cambiare radicalmente per mano degli uomini, a volte anche a causa di pratiche considerate sicure per l’ambiente. Uno sguardo sorprendente a ciò che si può imparare dalle sinfonie della natura, dal grugnito dell’anemone di mare ai tristi versi del castoro che piange. tratto da Bernie Krause: La voce del mondo naturale | TED Talk | TED.com

Read More →

Passerotto in volo dal lago di Pusiano a Gerusalemme: 893 giorni , 2700 chilometri, 28 marzo 2015

Pusiano (Como), 27 marzo 2015 – Ha volato dal lago di Pusiano a Gerusalemme, per 2.700 chilometri. Il protagonista di questo insolitoviaggio durato 893 giorni è un passerotto, per la precisione una Bigiarella (Sylvia curruca), inanellato nel 2012 dalla stazione del«Lambrone» del Parco della Valle del Lambro. vai a: Passerotto in volo dal lago di Pusiano a Gerusalemme – Como – Il Giorno – Quotidiano di Milano, notizie della Lombardia.

Read More →

Il caso piccioni di Como preso di mira da Luciana Littizzetto – Cronaca – La Provincia di Como – Notizie di Como e Provincia

caso comasco sulla decisione dell’Amministrazione Provinciale, di assoldare ben ottanta cecchini (sparatori professionisti, li ha chiamati lei) per far fuori i pennuti e eliminare la piaga endemica della loro proliferazione. «L’Assessore  – ha detto la sempre pepata Lucianina – ha organizzato addirittura dei corsi per insegnare a sparare ai poveri pennuti, perché sono troppi e fanno danni». Il caso piccioni di Como preso di mira dalla Littizzetto – Cronaca – La Provincia di Como – Notizie di Como e Provincia.

Read More →

Tornano le rondini, ma sono quasi dimezzate – Corriere.it

Secondo calcoli fatti dalla Lipu, in questi giorni 16 milioni di coppie di rondini saranno in viaggio dall’Africa all’Europa e molte si fermeranno in Italia. Non poche sono inoltre partite in anticipo per via dei cambiamenti climatici e anche per ciò sarà opportuno che trovino un ambiente accogliente. Le rondini purtroppo negli ultimi decenni sono calate del 40 per cento Tornano le rondini, ma sono quasi dimezzate – Corriere.it.

Read More →

UCCELLINI e grande freddo. Ecco come sfamarli e salvarli – Animali – La Provincia di Como – Notizie di Como e Provincia

UCCELLINI: è opportuno esporre sui balconi delle piccole mangiatoie (ne esistono già pronte), che siano ben visibili e contenenti piccoli pezzettini di grasso e carne avanzata, croste di formaggio, briciole di dolci, frutta fresca e secca e miscele di semi. Attenzione però, le mangiatoie vanno messe in zona non raggiungibile dai gatti. Da tenere presente che con il freddo eccezionale […]

Read More →

Il giallo delle tortore. Il professor Celli indaga

Muoiono uccelli. Negli Stati Uniti, in Svezia. E adesso anche in Italia. Pochi giorni fa a Faenza circa ottocento tortore dal collare sono state trovate morte lungo la statale. L’ASL ritiene siano vittima di uno squilibrio ambientale. Ma questo fenomeno non ve ne ricorda un altro? Quello della moria di api di qualche anno fa? Il professore emerito all’Università di Bologna Giorgio Celli ci ha dato il suo punto di vista. Il fenomeno della moria degli uccelli nel mondo presenta una strana analogia… Sì, è analogo a quello della moria delle api che dal 2000 in poi aveva colpito tutto il mondo. Le api erano morte in Nord America, erano morte in Europa, erano morte in diverse parti del mondo su terreni diversi con climi diversi. Si concluse allora che doveva trattarsi di un fattore unico e infatti si scoprì che questo fenomeno era dovuto quasi certamente a una sostanza chimica a effetto insetticida che prende il nome di neonicotinoidi. In che modo veniva usato il neonecotinoide? Si conciavano le sementi, ovvero venivano trattate prima di essere sparse sui campi perché in questo modo gli insetti che vivono nel suolo non avrebbero fatto quella scorpacciata di questi semi, provocando gravi danni all’agricoltore.  Sembra che per difendere da questi  insetti terricoli si è pensato di seminare semi conciati con questo insetticida. Ora sembra che nel momento in cui si diffondevano questi semi trattati a macchina un certo quantitativo dell’insetticida che li ricopriva […]

Read More →

Sostentamento degli uccelli in caso di neve

FREDDO INTENSO, GELO E NEVE IMPEDISCONO AGLI UCCELLI DI TROVARE CIBO. APPELLO DELLA LIPU: “ESPORRE MANGIATOIE CON GRASSO, SEMI E BRICIOLE DOLCI SU BALCONI, DAVANZALI E NEI GIARDINI” Briciole dolci e pezzetti di grasso per aiutare gli uccelli a resistere al freddo e alla neve. L’appello è della LIPU: senza un piccolo aiuto da parte dell’uomo pettirossi, merli, cince, passeri e verdoni non sopravvivranno nei prossimi giorni alla mancanza di cibo. Il miglior sistema inventato dalla natura per combattere il freddo è quello di nutrirsi – sottolinea la LIPU – E’ molto utile quindi in questi giorni esporre le mangiatoie (già pronte in legno o realizzate in casa con materiali di recupero quali bottiglie di plastica, retine per agrumi o ortaggi o cartoni del latte) su davanzali e balconi o in giardino collocate su un palo di ferro, con pezzetti di grasso e carne, croste di formaggio, frutta fresca e secca, briciole dolci, miscele di semi. Le mangiatoie vanno rifornite regolarmente, senza riempirle con quantità eccessive di cibo che potrebbe deteriorarsi. Non esporre mai cibo salato o piccante in  quanto tossici per gli uccelli. Numerose specie di uccelli insettivori cambiano in inverno per necessità la propria dieta: ecco allora che merlo, pettirosso, capinera e passera scopaiola si nutrono di briciole dolci (per esempio panettone e plum-cake), biscotti e frutta fresca; cinciarella, cinciallegra e picchio muratore di arachidi non salate, semi di girasole, pinoli sgusciati, frutta secca tritata (noci e nocciole). […]

Read More →