RITORNI BAMBINA, poesia di Gianfranco Gentile, detto “Tato”. Inviata il 21 maggio 2020. grazie !!!

Posted by

RITORNI BAMBINA

Di sera un velo di nero

ti cala sugli occhi leggero,

tu pensi alle cose passate,

ai giochi, ai balocchi, alle fate.

Di colpo ritorni bambina,

ricordi la casa di prima,

le corse sul grande prato,

gli amici che hai sempre amato.

Rivedi la piccola stazione

con tanta gente che parte

portando con sé le speranze,

speranze però nate morte.

E vedi tua madre che piange

e tu sei stretta al suo seno,

da lontano tuo padre saluta

e sferraglia veloce quel treno.

Poi gli occhi riapri d’incanto,

ti asciughi le gote dal pianto,

ti fai forte e smorzi un singhiozzo,

ma un nodo ti prende lo strozzo.

Accanto a te solo un comodino

con un micio di stoffa e un quadretto,

nel quadretto due visi sereni,

tua madre e tuo padre, poveretto.

Ed ora sei sola

come è sola tua madre,

tu in città

e tua madre in paese.

Tuo padre che è morto

e la sua voce

resta sospesa nel vento

da ormai tanto tempo.

Ed ecco perché tu ritorni bambina,

tuo padre dandoti quel micio di stoffa

ti diede un bacio leggero sulla bocca

e ti disse: “ A presto mia dolce piccina “ !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.