Brunate · Poesie

Alda Merini, Respiro nella notte. Poesie e prose, prefazione di Michela Marzano, Bur Rizzoli, 2022

Antologia del TEMPO che resta

vai alla scheda:

Se esiste un filo che lega le poesie e le prose uscite dalla penna di Alda Merini, e raccolte in questo volume, è un filo intessuto di follia e verità, di amore e corpo, che avvolge il buio dell’esistenza. I versi più indimenticabili e gli incipit più riusciti della poetessa dei Navigli paiono infatti scritti nella notte più profonda, spremendo l’oscurità per ricavarne lampi di luce. Questa antologia originale e preziosa è un omaggio al talento inarginabile dell’autrice e insieme un viatico per i lettori che ancora non la conoscono. Tra le sue pagine scopriamo un ritratto inedito di Alda Merini attraverso i suoi testi più noti e altri dimenticati: dalle poesie di Un’anima indocile, La volpe e il sipario e Le madri non cercano il paradiso agli aforismi di Nuove magie e Colpe di immagini senza dimenticare la prosa, con Lettere a un…

View original post 130 altre parole

ANIMALI · Fiori · MEDITAZIONI nel Tempo · Poesie

Attimi

lescritteriate

Talvolta accade.

Si percepisce la voglia di vivere.

La senti, per un attimo, sfiorarti

come una brezza, un fresco refolo.

E’ un momento inafferrabile,

ammaliante.

E’ un incantesimo fatto di nulla:

una musica, il sole sulla pelle,

un caldo abbraccio, un sorriso.

Ci può essere della gioia

nel ritrovarsi vivi.

Talvolta.

View original post

Cipressi · Poesie

Giovanni Pascoli, Il cuore del cipresso

da:

Myricae/Il cuore del cipresso – Wikisource

Il cuore del cipresso

O cipresso, che solo e nero stacchi
dal vitreo cielo, sopra lo sterpeto
irto di cardi e stridulo di biacchi:

in te sovente, al tempo delle more,
odono i bimbi un pispillìo secreto,
come d’un nido che ti sogni in cuore.

L’ultima cova. Tu canti sommesso
mentre s’allunga l’ombra taciturna
nel tristo campo: quasi, ermo cipresso,
ella ricerchi tra què bronchi un’urna.

Più brevi i giorni,
e l’ombra ogni dì meno
s’indugia e cerca, irrequieta, al sole;
e il sole è freddo e pallido il sereno.

L’ombra, ogni sera prima, entra nell’ombra:
nell’ombra ove le stelle errano sole.
E il rovo arrossa e con le spine ingombra

tutti i sentieri, e cadono già roggie
le foglie intorno (indifferente oscilla
l’ermo cipresso), e già le prime pioggie
fischiano, ed il libeccio ulula e squilla.

E il tuo nido? Il tuo nido?… Ulula forte
il vento e t’urta e ti percuote a lungo:
tu sorgi, e resti; simile alla Morte.

E il tuo cuore? Il tuo cuore?… Orrida trebbia
l’acqua i miei vetri, e là ti vedo lungo,
di nebbia nera tra la grigia nebbia.

E il tuo sogno? La terra ecco scompare:
la neve, muta a guisa del pensiero,
cade. Tra il bianco e tacito franare
tu stai, gigante immobilmente nero.

Poesie d’Autore – da PensieriParole.it <https://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/>

 

Gatti · Poesie

Antonio Prete, A un gatto | in Tutto è sempre ora, Einaudi, 2019

da

A un gatto | Iuncturae

C’è una vertigine della quiete

nella tua indifferenza.

Con occhi d’agata screziata

fissi il pulviscolo di luce..

Il  tuo silenzio è una lavagna

di eleganti geroglifici.

Se carezzo il tuo velluto

sei tu a guidare la mia mano..

Te ne stai, privo di pensieri,

nel giardino senza tempo

dove germogliano i pensieri..

Raccolto in te, il mondo sprofonda

senza rumore in una sua bianca,

fluttuante inesistenza.

ANIMALI · Luciana Quaia · Poesie

Incontri

lescritteriate

Si è fermata l’ora,

sospesa fra i rami dorati.

Nel silenzio infranto

un’ombra zampetta

fra scaglie di luce

nel rame brunito

di foglie cadute.

Volta il musetto

il mite scoiattolo.

Per un solo attimo,

i suoi occhi, neri e rotondi,

annegano nei miei.

Goccia di tenerezza

rende dolce la giornata

e rallegra l’anima.

(Foto di Carlabazar)

View original post

Poesie · Tartarughe · Tartarugosa

Festina lente

lescritteriate

Catturano l’ultimo tepore

scordato da un’estate distratta.

E’ l’orologio delle ombre

che avverte le sagge tartarughe.

Lentamente si affrettano

a terminare lo scavo

nella nera terra,

più friabile dopo la pioggia.

Le notti ora sono fresche,

nel meriggio compaiono, a tratti,

con un cammino indolente e svogliato.

Sfuggono ai tempi bui e cupi, le sagge,

sanno che il vero riparo

sta dalla parte delle radici.

Lì s’inabisseranno,

in attesa dell’eterno ritorno.

View original post

autunno · meteo e terra · Poesie

signora pioggia

lescritteriate

Sono tornata.

Ad ingrigire il mondo

(e le vostre vite)

col mio umido mantello.

E voi miseri fuggite,

nascondendovi spauriti

mentre gli stolti e i coraggiosi,

sotto le mie carezze,

ballano liberi e felici.

E scivolo sulle lucide chiome

lasciando brividi di piacere.

E poso limpidi specchi a terra

per duplicare il mondo.

E chi non mi ama

vede solo pozze di lacrime.

View original post

autunno · Poesie

Autunno

lescritteriate

Chiacchierano le foglie sotto i passi.

Iniziano ad arrossire

le bacche dell’agrifoglio

e si fanno scarlatte le lucide bucce

dei tondi melograni.

Nell’ultimo obliquo riflesso

che incendia il lago,

si ode lo sciabordio dei remi,

una barca scivola lieve,

il pescatore attende, paziente.

Dal bosco l’eco remota della motosega

si fa crepitio di ciocchi secchi.

Lingue ipnotiche di fiamme

illuminano il camino,

riscaldano e inducono sogni.

Affondano i piedi

nello spugnoso tappeto muscoso

degli umbratili gradini;

un nido vuoto è caduto,

disfatto dalla pioggia insistente.

Piange il cielo,

si congeda dal giorno che muore.

Il soffio del vento tra i rami nudi

traccia invisibili sentieri di seta

per il vagabondo rumore della malinconia.

View original post

LETTERATURA: romanzi, racconti, poesie · Poesie

Leopoldo Lonati, Discorso senza un alito di vento. Quartine.  Note di lettura di Aurelio Buletti e Renato Giovannoli, Casagrande Edizioni

Antologia del TEMPO che resta

Image

Casagrande Edizioni  presenta

Leopoldo Lonati,  Discorso senza un alito di vento.  Quartine

Centotré quartine (più una) per un Discorso enigmatico e meditativo, seducente nella sua musicalità, dove «giocosamente e non senza humour le parole convocano altre parole».

«Questa può essere una chiave per aprire alla nostra comprensione e al nostro affetto le quartine che compongono il Discorso: assumere su di sé tutte le asprezze del non facile viaggio di ispezione e scrittura effettuato dall’autore ed appropriarsi, con una lettura attenta, della ricchezza del contenuto e della maestria della forma, provandone gioia e oserei addirittura dire allegria».

Dalla nota di lettura di Aurelio Buletti

«Da dove giunge la poesia di queste quartine? Possiamo certo tenere conto dei riferimenti biblici, delle inevitabili reminiscenze di altri poeti, delle epigrafi scelte dall’autore dalle quali si potrebbe risalire almeno a una parte dei suoi riferimenti filosofici, ma la caccia alle fonti non sarebbe di grande aiuto…

View original post 184 altre parole

Alberi · BATTELLI e Corriere · Cipressi · Estate · Poesie

Sguardo sui CIPRESSI che riesco a vedere dal battello nel percorso Nesso/Como, 31 agosto 2022. Immagini con due poesie di MARIANGELA GUALTIERI

MARIANGELA GUALTIERI:

In un momento

In un momento

il bel mattino di sole

s’è ammassato nel bianco

e tutto un cielo di nebbie

passa come fumando

sui cipressi. Ed essi stanno

scuri e dimessi

in un’attesa. Fermi. Fissi.

Veri come la terra

che li cresce.

Giganti immobilmente

neri.

Oggi i cipressi agitano

una strana vita

e mi pare niente

il mio sapere se non contempla

quel loro enigmatico respiro.

Arboreo stupore

sotto una pioggia obliqua

da: Mino Petazzini, La poesia degli alberi, Luca Sossella editore, 2020

Bosco · Poesie

Come il lamento di un bosco, Cesare Pavese

Il pensiero di Emanuele Severino nell'ambito dell'intero pensiero contemporaneo

da

Facebook

Come il lamento di un bosco,
come il trillo non udito di un usignolo,
si spande l’armonia
ed empie l’aria
e per l’aria ti va nelle orecchie
e nelle cervella e nel cuore.
Vibra vibra l’aria
commossa dal trillo dell’usignolo!
Poi possente completa
la melodia ti domina
e tu la domini
e tutti
gli atomi vibrano di una gioia divina.

Poi quando saturo
di musica lo spirito riposa
come la terra che raccoglie un seme
germoglia e sboccia in mille
immense costruzioni d’armonia.

Frattanto il trillo non era finito.

View original post

Poesie · Pozzi Antonia

post dedicati alla poetessa ANTONIA POZZI pubblicati su Antologia del tempo che resta

vai a:

https://antemp.com/category/autori/pozzi-antonia/