Notte del 13 luglio 2013.

Attorno alle quattro  del mattino una fortissima tempesta di grandine si abbatte sull’orto, sugli alberi del giardino, sulla casa.

Tutta la verdura fragile soccombe: insalate, zucchine, cetrioli, fagiolini, basilico, zucche, fusti della patate …  Forse solo qualche sporadico pomodoro resisterà.

Foglie uccise dappertutto.

Non c’è nulla da fare: si può solo guardare la natura ferita (possibilmente in SILENZIO), rimediare a qualche danno e cercare di non pensare alle ore di lavoro dei mesi di aprile, maggio, giugno. Tutta una stagione di sperato raccolto è molto compromessa da questo attacco rapido, feroce, vigliacco.

Occorre “fare resilienza”, come insegna il giovane merlotto che si aggira (lui felice) fra la terra smossa a cercare i vermetti di sopravvivenza.

IMG_1418

IMG_1419

IMG_1420 IMG_1421

IMG_1422 IMG_1423

IMG_1424 IMG_1425

IMG_1426 IMG_1427

IMG_1428

IMG_1429

IMG_1430

IMG_1431

IMG_1432 IMG_1433

IMG_1434 IMG_1435

IMG_1436 IMG_1437

IMG_1438 IMG_1439

IMG_1440 IMG_1441

IMG_1442

IMG_1443 IMG_1444

IMG_1445

IMG_1458 IMG_1459 IMG_1460 IMG_1461 IMG_1462 IMG_1463 IMG_1464 IMG_1465 IMG_1466

0 commenti su “Tempesta di grandine in una notte di luglio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: