de Benzi 17 - Torno · Manoukian Agopik · Torno

Agop MANOUKIAN presenta il libro: SUL FILO DELLA STORIA. TORNO: VICENDE ECONOMICHE E SOCIALI DAL 1400 AD OGGI, a cura della Associazione Culturale Via De Benzi 17. Testo di Agop Manoukian. Gruppo di lavoro: Silvana Beccarelli; Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni, Giorgio Ratto, Luigi Rigamonti, grafica a cura di Ottavio Sosio, New Press Edizioni, 2020. Il video è realizzato dalla Fiera del Libro . Como autunno 2020

Torno non è solo il “delizioso paesetto” descritto da Hermann Hesse. È un borgo agricolo e anche manifatturiero, che ha una lunga storia fatta di lavoro, di fatiche e di invenzione: lavoro nei boschi e nei piccoli appezzamenti di terra strappati alla montagna, lavoro nelle case per tessere panni di lana, lavoro nelle piccole officine e lavoro ambulante in Italia e fuori d’Italia per costruire oggetti in filo di ferro: gabbie, trappole e altri strumenti di uso domestico. Un borgo che molti, per sopravvivere, hanno dovuto abbandonare, ma anche un borgo dove molti da fuori sono venuti a costruire le proprie ville o a portare lavoro e intraprendere iniziative innovative in campo industriale e sociale. Questo testo – frutto di un lavoro di un gruppo di soci dell’Associazione Culturale via de Benzi 17 – cerca di raccontare il succedersi di questi eventi. L’ampio arco di tempo preso in considerazione ha costituito una scelta necessaria per cogliere tendenze e ricorrenze nella storia di Torno: ciononostante ha permesso di approfondirne solo alcuni aspetti critici.

VIDEO IN PAGINA FACEBOOK DELLA FIERA DEL LIBRO, AUTUNNO 2020:

Manoukian Agopik · Storia e Economia · STORIA LOCALE E SOCIETA'

Da cent’anni nel futuro. CONFINDUSTRIA COMO: storie, immagini, persone (1919-2019), Fabio Cani, Antonio Marino, fotografie di Niccolò Biddau, prefazione di Aram Manoukian, NodoLibri, 2020

de Benzi 17 - Torno · Manoukian Agopik · Torno

Agop MANOUKIAN presenta il libro: SUL FILO DELLA STORIA. TORNO: VICENDE ECONOMICHE E SOCIALI DAL 1400 AD OGGI, a cura della Associazione Culturale Via De Benzi 17. Testo di Agop Manoukian. Gruppo di lavoro: Silvana Beccarelli; Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni, Giorgio Ratto, Luigi Rigamonti, grafica a cura di Ottavio Sosio, New Press Edizioni, 2020. Il video è realizzato dalla Fiera del Libro

Via de Benzi 17 - Associazione Culturale
Via de Benzi 17
22020 Torno CO I
viadebenzi17@gmail.com
de Benzi 17 - Torno · Manoukian Agopik · STORIA LOCALE E SOCIETA' · Torno

Agop MANOUKIAN presenta il libro: SUL FILO DELLA STORIA. TORNO: VICENDE ECONOMICHE E SOCIALI DAL 1400 AD OGGI, a cura della Associazione Culturale Via De Benzi 17. Testo di Agop Manoukian. Gruppo di lavoro: Silvana Beccarelli; Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni, Giorgio Ratto, Luigi Rigamonti, grafica a cura di Ottavio Sosio, New Press Edizioni, 2020. Torno, VIDEO del 5 settembre 2020

tor1296
tor1297
tor1298
tor1299
Manoukian Agopik · Paolo Ferrario · Storia e Economia · Torno

Paolo FERRARIO presenta il libro: SUL FILO DELLA STORIA. TORNO: VICENDE ECONOMICHE E SOCIALI DAL 1400 AD OGGI, a cura della Associazione Culturale Via De Benzi 17. Testo di Agop Manoukian. Gruppo di lavoro: Silvana Beccarelli; Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni, Giorgio Ratto, Luigi Rigamonti, grafica a cura di Ottavio Sosio, New Press Edizioni, 2020. AUDIO del 5 settembre 2020 e INDICE del libro

AUDIO di Paolo Ferrario:

Appunti per la presentazione:

vai al VIDEO di Agop Manoukian:

https://coatesa.com/2020/09/15/agop-manoukian-presenta-il-libro-sul-filo-della-storia-torno-vicende-economiche-e-sociali-dal-1400-ad-oggi-a-cura-della-associazione-culturale-via-de-benzi-17-testo-di-agop-manoukian-gruppo-di-l/

tor1296
tor1297
tor1298
tor1299

Manoukian Agopik · Montepiatto (frazione di Torno) · Piazzaga (frazione di Torno) · Storia e Economia · STORIA LOCALE E SOCIETA' · Torno

presentazione del libro: SUL FILO DELLA STORIA. TORNO: VICENDE ECONOMICHE E SOCIALI DAL 1400 AD OGGI, a cura della Associazione Culturale Via De Benzi 17. Testo di Agop Manoukian. Gruppo di lavoro: Silvana Beccarelli; Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni, Giorgio Ratto, Luigi Rigamonti, grafica a cura di Ottavio Sosio, New Press Edizioni, 2020. Indice del libro; Video, Audio, 5 settembre 2020

segnalazione di Katia Trinca Colonel in Corriere di Como:

https://www.corrieredicomo.it/sul-filo-della-storia-seicento-anni-a-torno/?fbclid=IwAR0dI8RDF7PyUzmE00wvjZw0hsx_Az5YpdCRlHeHg29_svT3qqaOrBGetqE:

Il 5 settembre 2020 alle 17.45 la presentazione del volume  in via De Benzi a Torno

Ricostruire le più importanti vicende della storia di Torno dal Quattrocento a oggi. Questo l’ambizioso progetto che ha portato al volume “Sul filo della storia” (New Press edizioni) scritto da Agop Manoukian e frutto del lavoro di un gruppo di amici dell’associazione culturale “Via de Benzi”: Silvana Beccarelli, Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni e Giorgio Ratto.

Un certosino lavoro di raccolta e ricerca di racconti di famiglia, pubblicazioni, documenti d’archivio e immagini d’epoca, che restituisce un quadro d’insieme dell’evoluzione economica e sociale a Torno.

Il volume, curato da Ottavio Sosio e ricco di immagini inedite, verrà presentato il 5 settembre alle 17.45  in via De Benzi a Torno.

Modera il sociologo Paolo Ferrario con interventi del regista Pino Di Bello e del poeta Vito Trombetta.

PAGINA FACEBOOK: https://www.facebook.com/ViaDeBenzi17/


VIDEO DELLA INTRODUZIONE ALL’INCONTRO DI

AGOP MANOUKIAN


vai all’audio di Paolo Ferrario:

https://coatesa.com/2020/09/14/paolo-ferrario-presenta-il-libro-sul-filo-della-storia-torno-vicende-economiche-e-sociali-dal-1400-ad-oggi-a-cura-della-associazione-culturale-via-de-benzi-17-testo-di-agop-manoukian-gruppo-di-l/


tor1296

tor1297tor1298tor1299

 

Manoukian Agopik · STORIA LOCALE E SOCIETA' · Torno · z: da classificare

Sul filo della storia, DAL FILO DI LANA AL FILO DI FERRO, AL FILO …, Ricerca sulla STORIA ECONOMICA DI TORNO dal 1900 a oggi, a cura di Silvana Beccarelli, Agop Manoukian, Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni e Giorgio Ratto, in Via De Benzi 17, Torno, ore 21. 2° serata: 21 aprile 2017. APPUNTI a cura di Paolo Ferrario

torno700torno701torno702torno703torno704torno705torno706torno707torno708torno709torno710torno711torno712torno713torno714

vai alla 1° serata:

https://coatesa.com/2017/03/24/sul-filo-della-storia-dal-filo-di-lana-al-filo-di-ferro-al-filo-ricerca-sulla-storia-economica-di-torno-dal-1900-a-oggi-a-cura-di-silvana-beccarelli-agop-manoukian-vincenzo-marrano-jacopo-p/

CONVEGNI, incontri, dibattiti, corsi, festival · Manoukian Agopik · STORIA LOCALE E SOCIETA' · Torno · z: da classificare

Sul filo della storia, DAL FILO DI LANA AL FILO DI FERRO, AL FILO …, Ricerca sulla STORIA ECONOMICA DI TORNO dal 1900 a oggi, a cura di Silvana Beccarelli, Agop Manoukian, Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni e Giorgio Ratto, in Via De Benzi 17, Torno, ore 21. 1° serata: 7 aprile 2017. APPUNTI a cura di Paolo Ferrario

2017-03-24_183523

Com’è cambiata Torno negli ultimi cento anni?

Che lavoro faceva la gente all’inizio del secolo scorso?

Che lavoro fa oggi?

E quali sono le prospettive per il futuro?

Queste sono alcune  domande alla base della ricerca sulla storia economica di Torno dal ‘900 a oggi, che verrà presentata in due serate (venerdì 7 e venerdì 21 aprile, alle ore 21.00) presso la sede dell’Associazione Culturale “Via de Benzi 17” in via de Benzi 17 a Torno.

Un gruppo di soci dell’Associazione costituito nel maggio del 2016  e composto da Silvana Beccarelli, Agop Manoukian, Vincenzo Marrano, Jacopo Pigoni e Giorgio Ratto si è impegnato nella raccolta e ricerca di racconti di famiglia, di pubblicazioni già esistenti, di documenti d’archivio e di immagini d’epoca al fine di ricomporre un quadro d’insieme  dell’evoluzione economica e sociale intervenuta a Torno nel corso del tempo e di individuare  i fattori che hanno favorito o rallentato i cambiamenti.

Ci auguriamo che questa iniziativa  possa suscitare interesse in chi abita a Torno e anche in chi si interroga sulle vicende di un piccolo comune lariano.

vai alla 2° serata:

https://coatesa.com/2017/05/04/sul-filo-della-storia-dal-filo-di-lana-al-filo-di-ferro-al-filo-ricerca-sulla-storia-economica-di-torno-dal-1900-a-oggi-a-cura-di-silvana-beccarelli-agop-manoukian-vincenzo-marrano-jacopo-p-2/

APPUNTI della prima serata, 7 aprile 2017

torno storia 1562torno storia 1563torno storia 1564torno storia 1565torno storia 1566torno storia 1567torno storia 1568torno storia 1569torno storia 1570torno storia 1571torno storia 1572torno storia 1573torno storia 1574


2017-03-24_183552

2017-03-24_183523

CONVEGNI, incontri, dibattiti, corsi, festival · Manoukian Agopik

Agopik Manoukian parlerà degli  Armeni nella storia, Osteria del Gallo, Como, via Vitani 16, ore 17.30, ingresso libero, 18 novembre 2015

CAFFÈ LETTERARIO
Osteria del Gallo, via Vitani 16, ore 17.30, ingresso libero

Agopik Manoukian parlerà di un argomento di grande attualità Gli Armeni nella storia.

Sorgente: MERCOLEDÌ 18 NOVEMBRE – La Settimana InCom – La Provincia di Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia

LIBRI e EDITORI · Manoukian Agopik

AGOP MANOUKIAN, PRESENZA ARMENA in ITALIA 1915-2000, Guerini e associati, 2014. Recensione in Corriere di Como 1 febbraio 2015

Manoukian Agopik · Storia e Economia

MANOUKIAN AGOP, Presenza armena in Italia, 1915-2000, Guerini e associati, 2014, p. 380, da POLITICHE SOCIALI e SERVIZI

Agop Manoukian (Agopik per gli amici) illumina un aspetto particolare dei grandi flussi demografici che caratterizzano il mondo moderno e quello più specifico dell’Italia.

Leggiamo le sue parole: “soggetto di questa microstoria è il piccolo frammento italiano della grande diaspora armena” (pag. 11)

DIASPORA. Assume grande rilevanza nella narrazione questo concetto: “con questa espressione non si individua un vero e proprio gruppo, ma si identifica uno spazio sociale e immaginario che include sia istituzioni che hanno un forte punto di riferimento con il paese e il luogo da cui un tempo si sono staccati” (pag. 14)

La ricerca che si snoda in queste pagine è molto articolata e comprende aspetti storici, religiosi, socioantropologici, soggettivi ed identitari

Si capisce molto anche della società italiana inoltrandosi nel percorsi di insediamento degli armeni.  Il titolo “Presenza armena in  Italia” riassume bene l’intento narrativo ed analitico.

Riassumo qui alcuni punti fondamentali della struttura di questo libro:

  • l’obiettivo principale è “raccogliere i frammenti di una memoria che lentamente si va perdendo” (pag. 11)
  • si tratta di una “minoranza demografica” costituita, nel corso del tempo, da oscillanti ” mille e le due-tremila unità” (pag.  336). Proprio questo è l’interesse del libro: come una minoranza così estrema ha mantenuto memoria, costruito soggettività e relazioni, creato mercato
  • come la macrostoria (il genocidio armeno del 1915, messo in ombra nel “secolo breve” dall’Olocausto) si interseca con “le strategie con cui gli armeni, singolarmente o in connessione fra loro, si sono inseriti nel tessuto sociale italiano” (pag. 13)
  • i caratteri dei processi di insediamento in diversi territori: Milano, Roma, Venezia. E mi piacerebbe aggiungere Como, con la storia della industria di vernici Lechler, raccontata da Agop Manoukian in altri studi documentali
  • come funzionano i processi di integrazione e di assimilazione, quando si è in presenza di una bassa concentrazione demografica come quella dei nuclei armeni
  • la comunanza dell’esser “profughi” ossia costretti “a fuggire in avanti”
  • cosa vuol dire “narrare”, quando si parla di persone singole (“biografie”) , ma in riferimento a gruppi sociali fortemente identitari
  • l’importanze delle organizzazioni associative in queste vicende
  • la contaminazione fra culture e i ruoli integrativi della religione e dei rituali familiari
  • l’importanza della lingua armena (e della sua legittimazione)  nel tenere assieme questa comunità
  • il ruolo dell’arte e della creatività nella costruzione quotidiana del “senso” da dare alla esistenza individuale e alla vicenda storica

Insomma: un libro che, parlando di un aspetto parziale della demografia mondiale, illumina angoli pieni di significato per la sociologia, l’antropologia e la politica

Grazie per questo dono, Agopik

Paolo Ferrario che, con Luciana, è sceso verso TORNO, zona lago, ore 19 e 30 del 18 novembre 2014

MANOUKIAN AGOP, Presenza armena in Italia, 1915-2000, Guerini e associati, 2014, p. 380 « POLITICHE SOCIALI e SERVIZI.

de Benzi 17 - Torno · Manoukian Agopik · Teatri · Torno

prova generale di 1914 TREGUA DI NATALE, opera teatrale scritta e diretta da Giuseppe Di Bello, interpretata dall’attore Marco Continanza e con la scenografia di Laura Clerici, giovedì 30 ottobre, alle ore 21.00, all’apertura dello spazio di Via de’ Benzi 17, a Torno, per la conclusione della prima fase del restauro dei locali dell’ex-Farmacia.

                                          siamo lieti di invitarvi, giovedì 30 ottobre, alle ore 21.00,
all’apertura dello spazio di Via de’ Benzi 17, a Torno, per la conclusione della prima fase del restauro dei locali dell’ex-Farmacia. 
Nell’occasione potrete assistere alla prova generale di 
1914 Tregua di Natale,
opera teatrale scritta e diretta da Giuseppe Di Bello, interpretata dall’attore Marco Continanza e con la scenografia di Laura Clerici, che hanno qui preparato lo spettacolo
che porteranno in scena in prima nazionale il 4 novembre, a Cantù, nell’ambito della Giornata della Pace.

LA TREGUA DI NATALE

Basilica di San Vincenzo in Galliano, Cantù, ore 21, ingresso libero

https://i0.wp.com/s29.postimg.org/fcipmr187/tregua.jpg

La tregua di Natale. Testo e regia di Giuseppe di Bello. Con Marco Continanza. Scenografia di Laura Clerici. Organizzazione di Michele Ciarla. Una produzione dell’associazione culturale Anfiteatro
Durante l’inverno del 1914, al confine tra la Francia e il Belgio, inglesi e tedeschi erano impantanati in una logorante guerra di posizione combattuta nella disumana condizione delle trincee, con assalti quotidiani nei quali molti soldati perdevano la vita nel tentativo di strappare qualche metro al nemico.

Queste terribili condizioni accomunavano i due schieramenti e forse proprio la sensazione del male comune portò i soldati a scambiarsi qualche favore che rendesse la vita meno impossibile e così, sfidando l’accusa di tradimento cominciarono, ad esempio, a non aprire il fuoco durante i pasti ma nessuno poteva immaginare quello che sarebbe accaduto da lì a poco.

Era la vigilia di Natale e per entrambi gli schieramenti, assieme agli ordini che dicevano che i combattimenti non avrebbero dovuto essere interrotti per nessun motivo, erano arrivati anche i pacchi dono che contenevano dolci, liquori, tabacco, alberelli natalizi e candele.

Quella sera i tedeschi addobbarono le loro trincee e mentre si scambiavano gli auguri un soldato intonò la canzone Stille nacht. Prima si fece silenzio poi a uno ad uno tutti i soldati cominciarono a cantare e a quelli si aggiunsero i soldati inglesi intonando la stessa canzone. Da quel momento i soldati dei due eserciti non smisero più di cantare, ognuno nella propria lingua e ognuno al riparo della propria postazione. Poi questa “fiaba” continua in un crescendo di fatti che se non fossero stati documentati da entrambe le parti, sembrerebbero davvero incredibili: i soldati uscirono dalle trincee, e si salutarono, e si scambiarono dei doni, e mostrarono le foto delle loro fidanzate, mogli, figli e madri, e seppellirono i morti, e per loro si suonarono le cornamuse, mangiarono insieme scambi di doni e di cibo, e poi musica e balli fino a una affollatissima partita di calcio giocata sulla terra di nessuno tra gli inglesi del reggimento Scottish Seaforth Highlanders e i soldati tedeschi del Reggimento Sassone.

Il pallone fu messo insieme con stracci legati con lo spago, mentre le porte furono delimitate da pile di cappotti. (Si racconta che i giocatori di ogni squadra fossero una sessantina e che la partita finì con la vittoria dei tedeschi per 3 reti a 2). La notizia della tregua intanto si diffuse e nei giorni successivi dalle trincee partirono innumerevoli lettere per raccontare alle famiglie quello che stava accadendo e alcune di quelle lettere, assieme a qualche foto, finirono sui quotidiani che titolarono commossi che inglesi e tedeschi si stringevano la mano sui campi di battaglia. Allora intervennero gli alti comandi e la tregua fu interrotta ma i soldati fecero un patto solenne, che nel caso li avessero costretti a riprendere i combattimenti nessuno avrebbe mirato ad altezza uomo, ma reso inoffensive le munizioni… “sparando alle stelle in cielo”.

L’Amministrazione canturina, vuole ricordare questo episodio storico e regalare lo spettacolo, in prima nazionale, alla città.

(da una scheda di Alessio Brunialti, La Provincia di Como


Appunti audio della serata:

CARI AGOPIK E FRANCA
vi siamo molto grati per l’invito al monologo 1914 Tregua di Natale
Questa serata resterà incisa nella nostra memoria sia per la bravura del giovane attore , sia per la bellezza di luogo della ex farmacia
mi sapete cultore del “genius loci” che occorre ritrovare in certi spazi (e allora vi allego un mio saggio su questo tema)
questo simbolo si riattiva quando ci sono persone che lo sanno custodire. e voi lo avete saputo fare
ho molto apprezzato anche la davvero bellissima introduzione di agopik, con quel riferimento all'”arte del mescolare” ingredienti benefici
torno è collegata a como con così tanti battelli che (di fatto) sono come una metropolitana lacuale
quel grande locale si presta a tantissime operazioni culturali: mostre, presentazioni di libri, discussione su temi di valore
è davvero corrispondente a quello che chiamo: il fare cose grandi da luoghi piccoli
è così che dovrebbe agire la nostra generazione: trasferire (nei limiti del possibile) pezzi di passato utili per il futuro
saluti cari , grazie ancora e arrivederci
paolo e luciana

vedi anche

LONDRA – E’ la notte di Natale del 1914. Sul fronte della prima guerra mondiale, gli eserciti di due paesi si guardano dalle rispettive trincee, a poche centinaia di metri di distanza l’una dall’altra. Poi un soldato tedesco comincia a cantare “Stille Nacht”, la più famosa canzone natalizia, dalla trincea opposta un soldato inglese risponde cantando “Silent night” e poco per volta i nemici escono all’aperto, con le mani alzate, e si abbracciano. E’ un momento passato alla storia: il breve armistizio di Natale, che interruppe per qualche ora il conflitto segue qui http://www.repubblica.it/esteri/2014/11/14/news/natale_festa_della_condivisione_lo_short_movie_pubblicitario_un_capolavoro-100510013/