visita pomeridiana nella casa di Gabriella, Peggy e Luna. E affacci sulla baia di Coatesa, lunedì 25 agosto 2014

Questo slideshow richiede JavaScript.

IMG_5592 IMG_5593 IMG_5594 IMG_5595 IMG_5596 IMG_5597 IMG_5598 IMG_5599 IMG_5600 IMG_5601 IMG_5602 IMG_5603 IMG_5604 IMG_5605 IMG_5606 IMG_5607 IMG_5608 IMG_5609 IMG_5610 IMG_5611 IMG_5612 IMG_5613 IMG_5614 IMG_5615 IMG_5616 IMG_5617 IMG_5618 IMG_5619 IMG_5620 IMG_5621 IMG_5622 IMG_5623 IMG_5624 IMG_5625 IMG_5626 IMG_5627 IMG_5628 IMG_5629 IMG_5630 IMG_5631 IMG_5632 IMG_5633 IMG_5634 IMG_5635 IMG_5636 IMG_5637 IMG_5639 IMG_5640 IMG_5641 IMG_5642 IMG_5643 IMG_5644 IMG_5645 IMG_5646 IMG_5647 IMG_5648 IMG_5649 IMG_5650 IMG_5651 IMG_5652 IMG_5653 IMG_5654 IMG_5655 IMG_5656 IMG_5657

da Coatesa a Como in battello e ritorno in corriera, venerdì 22 agosto 2014, dalle ore 10 e 40 alle ore 17

da Coatesa a Como in battello e ritorno in corriera, venerdì 22 agosto 2014, dalle ore 10 e 40 alle ore 17

Questo slideshow richiede JavaScript.

Como ancora sotto la pioggia E la previsioni sono nere – 23 agosto 2014

Como –  

Previsioni, purtroppo, confermate. Como si è risvegliata sotto una forte pioggia e temperature autunnali. La “colpa” di questo ennesimo brutto giorno di un’estate da dimenticare è ancora una perturbazione di origine atlantica per la quale addirittura

il Dipartimento della protezione civile aveva emesso un allerta meteo che prevedeva precipitazioni intense e diffuse. Como forse dovrebbe evitare il peggio, ovvero grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, che colpiranno in particolare Veneto, Friuli Venezia Giulia e in estensione su Umbria e Lazio settentrionale.Tuttavia il Dipartimento ha valutato una criticità arancione per rischio idrogeologico per i settori prealpini centrali lombardi, nonché per rischio idraulico sulla pianura lombarda occidentale.

Per il momento non si riscontrano situazioni preoccupanti nel Comasco anche se sono sotto controllo i punti critici in città e nel territorio

da Como ancora sotto la pioggia E la previsioni sono nere – Cronaca Como La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

cena conviviale a base di POLENTA, con Gianfranco e Albertina, Emilio e Teresa, Amalia e Eugenio, Gabriella, Paolo e Luciana

Questo slideshow richiede JavaScript.

Momenti del concerto jazz del quartetto di Aliffi, Caruso, D’Auria e Stefano Dall’Ora , Como 17 agosto 2014, Piazza Martinelli. A cura della Casa della Musica

dice di loro Alessio Brunialti (quotidiano La Provincia di Como)
Concerto del quartetto di Maurizio Aliffi (chitarra), Beppe Caruso (trombone),Francesco D’Auria (batteria) e Stefano Dall’Ora (basso). Come in un tessuto, i quattro musicisti sono legati tra loro da una fitta trama di collaborazioni in progetti che li vedono protagonisti in varie formazioni: si muovono come su una tela insieme solida ed elastica, in cui ogni punto è sensibile a ciò che accade in un altro punto, pronti ad assecondarne le sollecitazioni. Una metafora di ciò che può essere il jazz oggi, tra composizione e improvvisazione, individuo e collettivo, con al primo posto l’ascolto reciproco.
Como, 17 agosto 2014
a cura della Casa della Musica

Questo slideshow richiede JavaScript.

visita di Marzia e Franco a Coatesa sul Lario

IMG_5350 IMG_5351

la postazione del PC nell’agosto 2014

IMG_5322

Ferragosto 2014 al PIAN DEL TIVAN: Cookie, Holly, Paolo, Luciana, Chicco, Luigina, Gianlazzaro detto Zari, Betty, Margherita, Silvia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Como, 15 agosto 2014 – Anche la mattina di Ferragosto, Como si è svegliata sotto il maltempo. Particolarmente colpite le zone dell’Olgiatese, di Como e l’Erbese

Como, 15 agosto 2014 – Anche la mattina di Ferragosto, Como si è svegliata sotto il maltempo. Particolarmente colpite le zone dell’Olgiatese, di Como e l’Erbese. 

Dalle 4 fino alle 8, numerose le richieste di intervento da parte dei vigili del fuoco: le prime segnalazioni sono arrivate da Ronago, Albiolo e Valmorea. Grandinate e strade imemdiatamente ricoperte da una patina bianca a Prestino, Breccia, Camerlata, via Pasquale Paoli e via Varesina. Disagi per allagamenti a Lipomo e San Fermo della Battaglia,anche all’ospedale. Bomba d’acqua tra Albavilla ed Erba.

Grandine come neve nel giorno di Ferragosto  Guarda le immagini

MERONE – MEGA GRANDINATA IN VIA ROMA (Foto by Stefano Bartesaghi)

 

Grandine come neve nel giorno di Ferragosto  Guarda le immagini

VIA DONIZETTI AD ALBESE CON CASSANO

 

Grandine come neve nel giorno di Ferragosto  Guarda le immagini

COMO – Grandinata di Ferragosto (foto del lettore Marco De Santis)

Como –  

È un Ferragosto iniziato proprio male, quello in provincia di Como. A svegliare molti comaschi è stato il maltempo, che ha colpito prima la zona dell’Olgiatese, per poi spostarsi a Como e infine arrivare nell’Erbese.

Dalle 4 fino alle 8 sono state oltre 100 le richieste di intervento da parte dei vigili del fuoco. Le prime segnalazioni sono arrivate da Ronago, Albiolo e Valmorea, con una sessantina di chiamate arrivare alla centrale operativa dei vigili del fuoco. Poi l’ondata di maltempo si è spostata a Como, con anche grandine. Le zone maggiormente interessate sono quelle di Prestino, Breccia, Camerlata, via Pasquale Paoli e via Varesina, con la grandine che ha formato una patina bianca da far sembrare arrivato l’inverno. Problemi anche a Lipomo e San Fermo della Battaglia, in particolare all’ospedale, con alcuni vialetti di accesso alla struttura che sono stati allagati. in totale,per la zona di Como, sono arrivate una quarantina di chiamate.

Infine il maltempo si è spostato nell’Erbese, con una bomba d’acqua tra Albavilla ed Erba, che ha interessato anche Merone. Anche in questo caso si è registrata una grandinata che ha imbiancato le strade e i cortili. Oltre trenta le richieste di soccorso arrivate ai vigili del fuoco dai residenti di queste zone. Non si registrano, al momento situazioni di particolare pericolo. Sembra che la zona del Canturino, per una volta, sia stata parzialmente graziata da questi temporali.

R. Fog.

ALIFFI, CARUSO, D’AURIA, DALL’ORA QUARTET Maurizio Aliffi, chitarra Beppe Caruso, trombone Francesco D’Auria, batteria Stefano Dall’Ora, contrabbasso, Domenica 17 agosto ore 21:15 Piazza Martinelli, Como

dice di loro Alessio Brunialti:

Concerto del quartetto di Maurizio Aliffi (chitarra), Beppe Caruso (trombone),Francesco D’Auria (batteria) e Stefano Dall’Ora (basso). Come in un tessuto, i quattro musicisti sono legati tra loro da una fitta trama di collaborazioni in progetti che li vedono protagonisti in varie formazioni: si muovono come su una tela insieme solida ed elastica, in cui ogni punto è sensibile a ciò che accade in un altro punto, pronti ad assecondarne le sollecitazioni. Una metafora di ciò che può essere il jazz oggi, tra composizione e improvvisazione, individuo e collettivo, con al primo posto l’ascolto reciproco.

NdA: quando si dice un supergruppo…

http://casadellamusica.org

Testata

---

Domenica 17 agosto

ore 21:15

Piazza Martinelli, Como

ALIFFI, CARUSO, D’AURIA, DALL’ORA QUARTET

Maurizio Aliffi, chitarra
Beppe Caruso, trombone
Francesco D’Auria, batteria
Stefano Dall’Ora, contrabbasso

lo storico Giorgio Cavalleri arriva a Coatesa con Elisabetta, giovedì 14 agosto 2014

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giorgio Cavalleri - 10 anni (1935-1945) Giorgio Cavalleri
10 anni (1935-1945)Como, 2014
Collana: In prima persona
Pp. 232, F.to cm. 16×12

Una stanza affacciata sul mondo

Pioggia torrenziale nel Comasco Vie e box allagati, 12 agosto 2014

Pioggia torrenziale nel Comasco
Vie e box allagati, Regina in tilt

Pioggia torrenziale nel Comasco Vie e box allagati, Regina in tilt

Allagate piazza Cavour, via Volta e altre strade del centro storico. Frana sulla Regina a Laglio

 

 

da Cronaca La Provincia di Como – Notizie di Como e provincia.

visita di Doriam, Lucia, Zoele e Flo, giornata dell’11 agosto 2014

visita di Doriam, Lucia, Zoele e Flo, giornata dell’11 agosto 2014

ricevuti da Paolo, Luciana, Luna, Chat Noir e Lady Miciù

Giornata di giardino, di gatti e di percorso a lago (da Riva a Borgovecchio)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Luna

 

Chat Noir

 

Lady Miciù

AL BAL TABARIN, Elena D’Angelo, Francesco Tuppo, Luigi Monti, Sabina Concari – Como, Piazza Martinelli, 8 agosto 2014

da  AL BAL TABARIN, Elena D’Angelo, Francesco Tuppo, Luigi Monti, Sabina Concari – YouTube.

viaAL BAL TABARIN, Elena D’Angelo, Francesco Tuppo, Luigi Monti, Sabina Concari – Como, Piazza Martinelli, 8 agosto 2014.

9 agosto a Nesso: in visita al PATRIA, ORE 20

9 agosto a Nesso: in visita al PATRIA, ORE 20

Nesso: il ponte di pietra sul Nosè

9 agosto a Nesso: Davide Van de Sfroos in località Nosè, ore 17 e 30

Questo slideshow richiede JavaScript.

9 agosto a Nesso: Davide Van de Sfroos in località Nosè, ore 17 e 30

agosto 2014 a Zelbio

2014-08-09_145053

Scene dall’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini, OPERA IN PIAZZA Piazza Martinelli, ore 21.15 , Como LUNEDÌ 4 AGOSTO 2014

Ricordare Isa Traversi che ottiene, senza dire una parola, il risultato di far sussurrare da parte del pubblico una melodia della Buttefly

E’ vero: si piange per il dolore di Cio-Cio-San

vai a:

Scene dall’opera Madama Butterfly di Giacomo Puccini, OPERA IN PIAZZA Piazza Martinelli, ore 21.15 , Como LUNEDÌ 4 AGOSTO 2014 | COATESA SUL LARIO … e dintorni.

 

Sbarcato a Nagasaki, Pinkerton (tenore), ufficiale della marina degli Stati Uniti, per vanità e spirito d’avventura si unisce in matrimonio, secondo le usanze locali, con una geisha quindicenne di nome Cio-Cio-San (giapponese: Chōchō-san), termine giapponese che significa Madama (San) Farfalla ( Chō?), in inglese Butterfly (soprano), acquisendo così il diritto di ripudiare la moglie anche dopo un mese; così infatti avviene, e Pinkerton ritorna in patria abbandonando la giovanissima sposa. Ma questa, forte di un amore ardente e tenace, pur struggendosi nella lunga attesa accanto al bimbo nato da quelle nozze, continua a ripetere a tutti la sua incrollabile fiducia nel ritorno dell’amato.

Pinkerton infatti ritorna dopo tre anni, ma non da solo: accompagnato da una giovane donna, da lui sposata regolarmente negli Stati Uniti, è venuto a prendersi il bambino, della cui esistenza è stato messo al corrente dal console Sharpless (baritono), per portarlo con sé in patria ed educarlo secondo gli usi occidentali. Soltanto di fronte all’evidenza dei fatti Butterfly comprende: la sua grande illusione, la felicità sognata accanto all’uomo amato, è svanita del tutto. Decide quindi di scomparire dalla scena del mondo, in silenzio, senza clamore; dopo aver abbracciato disperatamente il figlio, si uccide (secondo l’usanza giapponese denominata jigai) con un coltello tantō donatole dal padre

agosto autunnale: Dalie che sembrano Crisantemi

IMG_5160

LUCIANA: l’ultimo stare di agosto, 31 agosto 2013

 

IMG_1542

IMG_1541

CIGNI E CIGNETTI: l’apparire del 30 Agosto

Visita di: Patrizia, Giulio, Monica e Terry (con Claudio e Candida)

Alla mattina arrivano Patrizia e Giulio, da Brunate

Al pomeriggio: Monica e Terry (con Claudio e Candida)

Grazie, Terry

IMG_1528 IMG_1529

visita alla casa di Gabriella e Peggy

IMG_1530 IMG_1531

effetti del “Genius Loci” su Tino, qui a Coatesa sul Lario, 24 agosto 2013

il genius loci del vostro sito e’ :

entrare nel centro storico di Coatesa, salire le scale di una casa del settecento,

proseguire le scale del sopralzo del novecento ed essere improvvisamente proiettati in un orto/giardino.

Ma non finisce qui!

Nel giardino si costeggia il lago, si sosta su un seggio a contemplare il pontile e l’approdo dei battelli, si sentono i profumi della vegetazione autoctona del lago .

Da un ristretto portale si esce su un tratturo che a valle ha il lago e a monte un ondeggiante muro in sasso di Moltrasio che ricorda quelli dipinti da Ottone Rosai,  mediati dal pennello lariano di Pierino Saibene.

Tino

Dedicato a Pierangelo

Caro Pierangelo
grazie per la visita che hai fatto a Coatesa oggi e  per avermi cercato
Riprendo qui sotto il nostro carteggio risalente al  27/07/2012 alle 13:13:

Ciao Betty e Rino. Quasi tutti i giorni visiono questo “sito dei ricordi”….. Non ho il piacere di conoscere personalmente i curatori del medesimo, Paolo e Luciana, però compenso questa carenza leggendo il materiale da loro pubblicato. Vi è una immagine, fra le tante, che mi emoziona ogni volta che compare ed è quella relativa al cartello, (non so se di marmo o pietra,perdonatemi), che riporta scolpita la scritta “FRAZIONE COATESA”. Quante volte da ragazzino mi è servita come bersaglio sul quale lanciavo chicchi d’uva acerbi oppure bussolotti di carta od altro. Tolta dall’ex filatoio e posata a terra…….. spero non venga distrutta e rimessa ove si trovava in origine. Quanti ricordi infantili, adolescenziali e giovanili che sono radicati nel mio cuore. Una lacrima dall’anima da aff.mo Pierangelo, FRAZIONE COATESA 14

coatesatarga

Pierangelo

caro pierangelo, sono commosso per queste tue parole.
tu che hai ricordi così vivi della tua infanzia ed adolescenza e io, che qui sono arrivato a quarant’anni (e mia moglie luciana a trenta), siamo uniti dalla forza di questo luogo così “unico” su tutto il lario.
coatesa, infatti ha una grande potenza ambientale ed umana: la scala che va a lago, la storia industriale delle fabbriche costruite lì attorno, il ponte della civera, la casa bianca dei vinca, la eccezionale ripida scala accanto ad essa, il pontile dei battelli, il piccolo porticciolo del riparo …
è un concentrato di forza storica ed evocativa
ho fotografato la lastra di pietra con scritto coatesa, che ora giace negletta lassù nella parte piana dietro alla ex filanda, proprio perchè “raccontava” la via che negli anni 30, 40 e in parte 50 serviva alle tantissime persone che scendevano ai battelli fin dalle 5 del mattino
io spero tanto che quella lastra venga rispettata e salvata. ma se così non sarà, resterà la fotografia
a questo servono gli album dei ricordi
e, come hai ben colto, questo è nè più nè meno un album dei ricordi. come quelli di un tempo che venivano conservati lungo le generazioni
io e luciana siamo fissi a coatesa dalla prossima settimana e per tutto il mese di agosto (durante l’anno veniamo qui, praticamente sempre, al sabato ed alla domenica). insomma trascorriamo in coatesa almeno un terzo dell’anno
mi piacerebbe molto conoscerti di persona, così come ho conosciuto betty e rino (assieme a luigina e chicco balducci, mie carissimi vicini di casa)
mi trovi in via coatesa 22. il nostro telefono è 910557
un cordiale saluto
paolo ferrario

pranzo di ferragosto all’AGRITURISMO MADONNA DEI CEPPI, LEZZENO (CO)

pranzo di ferragosto all’AGRITURISMO MADONNA DEI CEPPI, LEZZENO (CO), con Chicco, Luigina, Zari, Elisabetta, Silvia

VAI AL SITO: http://www.agriturismomadonnadeiceppi.it/struttura.html

Coatesa sul Lario: l’amico Chicco ha pescato una trota alle ore 19 dell’1 agosto 2013

chiccotrota

 

IMG_1488

IMG_1489

Lago di Como 2013: cosa fare a BELLAGIO nel mese di agosto

VAI A: Vacanze Lago di Como 2013: cosa fare a Bellagio nel mese di agosto – Tempo Libero 2.0.

gita sulla Lenta con Chicco e Luigina. Verso Como. 26 luglio 2013

di fatto inizia la nostra vacanza del 2013:

gita sulla Lenta con Chicco e Luigina.

Arriviamo fino a Blevio

 

ZELBIOCULT: Incontri d’autore 2013, a Zelbio sul lago di Como

ZELBIOCULT

La Pro Zelbio vi dà il benvevuto su ZELBIOCULT.IT

qui ZELBIOCULT: Home  tutte le informazioni sugli incontri d’autore sull’altro ramo del lago di Como

ZELBIOCULT: Home.

Gli ultimi battelli del ciclo della estate 2012: cronaca di una giornata. Audio/video di Paolo

Gli ultimi battelli del ciclo della estate 2012: cronaca di domenica 30 settembre. Audio/video di Paolo:

associato a:

Come Nicola Gardini legge Lo Zibaldone di Giacomo Leopardi, lettura di Paolo nel cerchio ermetico del ciliegio

Giorgio Seferis, Siamo tornati all’autunno. L’estate come un quaderno di cui siamo stanchi rimane piena di cancellature

Coatesa, 21 settembre 2012, ore 4

Mi sveglio in piena notte.

Inutile e impossibile provare a riprendere il sonno.

Dalla stanza degli impressionisti prendo un Oscar Mondadori del 1967. Ricordo che erano i primi libri che cominciavano ad andare a comporre la biblioteca.

Il libro di Poesie è di Giorgio Seferis, premio Nobel 1963

UNA PAROLA SULL’ESTATE, autunno 1936

Siamo tornati all’autunno. L’estate

come un quaderno di cui siamo stanchi

rimane piena di cancellature

di schizzi astratti a margine, di punti di domanda.

Siamo tornati all’epoca degli occhi che rimirano

nello specchio alla luce artificiale, serrate labbra, estranei gli uomini

nelle vie nelle stanze sotto gli alberi del pepe

mentre i fari della automobili uccidono

migliaia di maschere pallide.

Siamo tornati: partiamo sempre per tornare

al deserto, un pugno di terra nelle palme vuote

….

Giorgio Seferis, POESIE, Oscar Mondadori, 1963 (prima edizione nello Specchio, novembre 1963

da Giorgio Seferis, Siamo tornati all’autunno. L’estate come un quaderno di cui siamo stanchi rimane piena di cancellature … « Segni di Paolo del 1948.

Ieri sera è terminato il nostro bellissimo agosto a Coatesa con un vento fortissimo, violento e cattivo

Ieri sera è terminato il nostro bellissimo agosto a Coatesa con un vento fortissimo, violento e cattivo. Ci ha perfino impedito di salire a Zelbio per la presentazione della biografia letteraria di Antonia Pozzi.

La temperatura ora oscilla fra i 13 ed i 17 gradi.

C’è però un aspetto positivo: il giardino sta meglio. E’ stato molto in sofferenza per la siccità di questa estate.

Ora comincia il tempo per la nostalgia delle “ore per noi” di agosto.

Punto la proa verso il prossimo anno.

Per ricominciare il ciclo

Psicologia dei tempi di siccità, Claudio Risé

Sembra proprio chquesto finvacanze-rientro in città avvenga nel segno del solbollentdella siccità. Non solo in Italia, comdimostrano lfoto dell’ormai riarso granaio d’America, il Midwest, e di altrzonagricole.
Il problema non sarà solo economico, per l’aumento dei costi alimentari. La presenza o assenza dell’acqua, infatti, ha degli effetti psichici molto precisi. Clo ricorda ilsimbolo dell’“acqua della vita” con l’immagindella fontepresentin tuttlculture.
Senza acqua, ci racconta questo simbolo universale, la vita, bisognosa di acqua sia per gli umani chper gli altriesseri viventi (piantanimali), diventa difficile, faticosa.
Nei periodi più caldi aumentano, per esempio, i vari malesseri psichici, comsla personalità facesspiù fatica a manteneruna posizionstabiled equilibrata. Servirebbombra e fresco, per mitigargli attacchi dell’astro bollente; ma, appunto, svi è siccità è difficiltrovaralberi e frescura.
La cultura della Grecia classica, chdescriveva perfettamentldiverssituazioni psicologichclinicheattraverso i miti, nraccontava uno chillustra proprio leorigini di siccità e glaciazioni, e nsuggeriscla cura.

Il mito racconta chElio, il sole    …..

Dimenticarsi o cancellare l’ombra, la zona non illuminata dal sole, dalla coscienza, pretendere insomma di saperetutto, e di condurre il sole (la coscienza) dove ci pare, è da sempre fonte di sciagure. Tra le quali la siccità.
Un occhio alle notizie, ma anche al termometro ed allechiamate al pronto soccorso (oltre che alle Borse dove si fanno i prezzi dei cereali), confermerebbe che l’uomo, nel suo continuo e illuminato progresso, si è dimenticato di qualcosa. Abbagliato dal successo, ha smesso di guardareall’ombra, al proprio lato oscuro. Che, per vanità, esproporzione tra le proprie forze e ambizioni, sta disseccando la terra.

leggi tutto l’articolo qui: Psicologia dei tempi di siccità, Claudio Risé.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: