Argegno · baia di Piona · Bellagio · Bellano · Blevio · Brienno · Cadenabbia · Careno · Centro Storico di Como · Cernobbio · Colonno · Conosco Como? · Corenno Plinio · Domaso · Dongo · Faggeto · GENIUS LOCI · Gravedona · LAGO DI COMO-LARIO: Luoghi · Lecco · Lenno · Lezzeno · Menaggio · Moltrasio · NESSO · Pognana · Sala Comacina · Torno · Varenna

Ghielmetti Giuseppe, con i disegni a sanguigna di Franco Belluschi, IL LARIO, casa editrice Pietro Cairoli, Como, 1967. Indice del libro

informazioni sulla “matita sanguigna”:

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Sanguigna?fbclid=IwAR3D2Vs58lE8BUjlnRtboi_IkXKbNVbsaKrpNWbNrraMoKIj7RihHtpdLrU

Dongo

LA PISTA Ciclopedonale dell’Alto Lario: Gera Lario/Dongo | in BimbInLombardia

CICLOPEDONALE DELL’ALTO LARIO: GERA LARIO/DONGO

VAI a questa scheda

Ciclopedonale dell’Alto Lario: Gera Lario/Dongo | BimbInLombardia
Dongo · Nodo Libri

Dongo – in NodoLibri inVideo – “iCOMOgrafie”

via (809) NodoLibri inVideo – “iCOMOgrafie” / Dongo – YouTube

Dongo · Isola Comacina · LAGO DI COMO-LARIO: Luoghi · Montepiatto (frazione di Torno) · STORIA LOCALE E SOCIETA' · Torno · tradizioni

GHIELMETTI Giuseppe, Leggende lariane, Editrice Cairoli, 1967. Indice del libro

ghie671ghie672

Dongo

la biblioteca del convento francescano di Dongo: oltre 30mila volumi conservati

dongo879 dongo880

Dongo · Storia e Economia

Enrico Della Fonte, Il pane e il ferro Società e assistenza a Dongo. 1899-1922 (NodoLibri, 2009)

News Nodo

Enrico Della Fonte, Il pane e il ferro
Società e assistenza a Dongo. 1899-1922 (NodoLibri, 2009)

A Dongo, nei primi decenni dopo l’Unità d’Italia, si assiste all’affermarsi di una dimensione sempre più industriale dell’amena cittadina lacustre, sulla scia di un incessante sviluppo del locale comparto siderurgico, rappresentato dalla ferriera Rubini e Scalini, che affondava le radici nel secolo dei lumi. Ed è appunto l’ascesa industriale, soprattutto con l’avvento dei Falck (1905), a caratterizzare il decennio che apre il nuovo secolo. È su questo sfondo che si innesta la… [CONTINUA]

 
Immagine
Dongo · LIBRI e EDITORI

Maria Erminia Acquistapace presenta IL VERO ORO DI DONGO, gli antichi libri della biblioteca del Convento Francescano, presentazione il 24 ottobre 2013

DONGO409

Argegno · Bellagio · Brienno · Carate Urio · Dongo · Gravedona · Laglio · LAGO DI COMO-LARIO: Luoghi · Lenno · Lezzeno · Moltrasio · MUSICA · NESSO · San Siro · Torno · Tremezzo e Tremezzina · Van De Sfroos Davide · Zelbio

Davide Van De Sfroos, “Terra&Acqua”, la nuova guida edita da Dmedia Group. Tra locande e leggende, come piace al cantautore laghée

terracqua410A piedi o con la bici poco importa. E’ lo spirito quello che conta. Lo spirito dell’avventura, della scoperta, dell’esigenza di semplicità e dell’essenzialità. Però ci sono anche poesia e musica, quelle che il Lago di Como ispira e che 

Davide Van De Sfross è stato in grado di mettere nero su bianco nelle pagine dei suoi libri e sugli spartiti delle sue canzoni.

“Terra&Acqua”, la nuova guida edita da Dmedia Group e che ha come ispiratore il cantautore laghée, è tutto questo e ancora di più.

Tra un’osteria di Bellagio, una locanda di Argegno e un crotto sopra Torno, emerge l’anima folk di questo volume che è molto più di un semplice vademecum che presenta cosa di bello propone il Lario: è il modo di vivere di chi è profondamente legato al suo territorio, alle sue bellezze, alla sua gastronomia e alle sue tradizioni e ci propone di condividerle.

segue qui:

Como:Sulle orme di Van De Sfroos Tra locande e leggende, come piace al cantautore laghée

Dongo

Quaderni della biblioteca francescana di Dongo

Quaderni della biblioteca francescana di Dongo.

Dongo

Il vero oro di Dongo: gli antichi libri della biblioteca del convento francescano, di Maria Erminia Acquistapace. Il libro conduce nella biblioteca del Convento francescano di Dongo svelando un tesoro nascosto fatto di antichi libri e testi sacri secolari, tanto belli quanto preziosi

IL TESORO DEI FRATI FRANCESCANI RACCONTATO IN UN LIBRO

Sarà presentato sabato 8 dicembre alle ore 18.45 nella sala Duns Scoto presso il Convento francescano di Dongo il volume “Il vero oro di Dongo: gli antichi libri della biblioteca del convento francescano”. Scritto da Maria Erminia Acquistapace, il libro ci conduce nella biblioteca del Convento francescano di Dongo svelandoci un tesoro nascosto fatto di antichi libri e testi sacri secolari, tanto belli quanto preziosi.

Ci sono libri che parlano di storie avventurose, altri che parlano di amore, altri di politica, storia, filosofia. E molto altro. Ma può un libro parlare di libri? Sembrerebbe autoreferenziale, ma così non è. Soprattutto se i libri di cui si parla nel volume sono testi antichissimi e preziosi volumi sacri.
Che portano essi stessi, nel proprio essere tali, grandi storie e grande fascino.

Quello stesso fascino che ha colto e rapito Maria Erminia Acquistapace più di dieci anni fa e che l’ha portata a scrivere questo “libro sui libri”. “Il vero oro di Dongo: gli antichi libri della biblioteca del convento francescano” è infatti un vero e proprio atto d’amore dell’autrice verso il patrimonio librario della biblioteca del convento francescano di Dongo, sulla sponda occidentale del lago di Como. Un patrimonio nascosto, composto da codici, incunaboli, cinquecentine, secentine, ma anche di pregevoli volumi del sette-ottocento.

Il libro si presenta come un excursus storico che accompagna il lettore in un viaggio che inizia dalla fondazione del convento dei Minori Riformati di Santa Maria del Fiume. Racconta poi la storia della coeva biblioteca e del suo patrimonio librario, salvatosi dalla dispersione, essendo sfuggito alle grinfie napoleoniche nel 1810 e a quelle post-unitarie nel 1866. Nel volume si sviluppa inoltre il discorso sui libri sacri, sui corali e sugli antichi testi presenti in biblioteca. L’autrice si sofferma sulle pagine finemente decorate e miniate di questi volumi non dimenticando di descriverne oltre ai contenuti anche le legature, coinvolgendo nel gioco dell’osservazione il lettore grazie alle numerose splendide fotografie. Il tutto con l’intento di far conoscere a un pubblico più ampio
questo vero e proprio tesoro nascosto, conosciuto solo da appassionati e addetti ai lavori ma che meriterebbe invece ben altra fama.